Protezione civile in azione Ma sono dimostrazioni

Oggi e domani la simulazione di situazioni di emergenza a Copparo La “due giorni” vedrà impegnati oltre novanta tra volontari e tecnici

COPPARO. Inizia oggi e termina domani (domenica) la manifestazione Simultatem 2016, una no-stop di 48 ore di esercitazioni di Protezione civile dell'Unione Terre e Fiumi. Organizzata a livello locale, e volta a sensibilizzare ed avvicinare la cittadinanza e il mondo della scuola alla realtà del volontariato in situazioni di emergenza, l’iniziativa riveste una grande valenza soprattutto per i più giovani. Numerosi uomini, mezzi e iniziative che vedono in prima fila le associazioni di Protezione civile di Copparo, Tresigallo e Ro, insieme a Radio Club Copparo. L'evento ha avuto l'approvazione dell'agenzia regionale di Protezione Civile dell'Emilia-Romagna. A Copparo con un grande campo base (sede principale) presso via Michelangelo, e in altre località dell'Unione, l’iniziativa si snoderà anche attraverso Berra, Formignana, Jolanda di Savoia, Ro e Tresigallo. Durante la due giorni di eventi, saranno impegnati 90 volontari della Protezione civile, con la preziosa collaborazione della Croce Rossa Italiana, oltre al corpo dei vigili del fuoco volontari, della Polizia locale e dell'Arma dei carabinieri. Presso l'area a Copparo, i volontari saranno a disposizione dei cittadini e dei ragazzi delle scuole medie per spiegare le tecniche di soccorso adottate, le dinamiche e la gestione delle emergenze. Il campo inoltre sarà dotato di alcune tende destinate all'accoglienza della popolazione: altre per ospitare soccorritori, un posto medico avanzato, una cucina con mensa da campo, un'area segreteria e una sala radio. Per ogni comune altri interventi: evacuazione di una scuola nel comune di Copparo, il monitoraggio e rilevazione idro-metrica del fiume Po, cruciale intervento tra i comuni di Ro e Berra: uno analogo ci sarà tra i comuni di Berra e Jolanda. Altri due interventi di ricerca di persona scomparsa e recupero di beni culturali verranno effettuate a Ro.

Franco Corli

©RIPRODUZIONE RISERVATA