I Mangolini in festa per far studiare Amir

Il 10 luglio un evento dedicato al cognome più diffuso Ecco come aiutare gli organizzatori e un giovane amico

BOSCO MESOLA. Mangolini di tutto il mondo, unitevi. O perlomeno quelli di Bosco Mesola e dintorni. È l’appello lanciato dagli organizzatori (che per la maggior parte, naturalmente, di cognome fanno Mangolini) della festa dei Mangolini, cognome più che diffuso tra i Comuni di Bosco e Mesola e che si terrà domenica 10 luglio. Dove? In piazzetta Mangolini, ovvio, così intitolata due anni fa dal Comune di Mesola; un luogo nuovo, dunque, che la comunità ha deciso di far vivere destinandovi la prima edizione del “Viaggio nei nostri cognomi”: si comincia con i numerosi Mangolini, e poi a proseguire con altre “stirpi” locali. L’iniziativa, proposta e organizzata da Mara e Norberto Mangolini, originari della località Gigliola, alla finalità di aggregazione affianca uno scopo benefico: raccogliere fondi per aiutare un giovane amico, Amir Husakovic, a studiare. Il ragazzo ha 15 anni e vive in Bosnia con la mamma Selma e il papà Selmo. Mamma Selma era una bimba durante la guerra nell’ex Jugoslavia, e vent’anni fa - giovanissima profuga - trovò aiuto e ospitalità a Bosco Mesola grazie al gemellaggio con la città di Ajdovšcina e il forte legame con l’Udi, di cui Mara Mangolini è esponente. In questi vent’anni, anche dopo il ritorno di Selma nella sua patria, i contatti non sono mai venuti meno: le donne dell’Udi hanno seguito la vita di Selma, il suo diventare madre, la crescita di Amir, i suoi brillanti risultati negli studi e, ora, il bisogno di una mano per poterli proseguire. La mano è stata tesa anche attraverso questa festa dei cognomi che in questi due mesi, da qui all’appuntamento del 10 luglio, ha bisogno della collaborazione di tutta la comunità. Perché l’idea - a cui sta lavorando uno staff composto anche da Daniela, Rosita, Nelida e Davide Mangolini, Nora Piva, Iride Farolfi di Mappe di Comunità di Bosco e l’assessora di Mesola Lara Fabbri - è quella di intraprendere una ricerca sul cognome Mangolini, raccogliere foto di bambini con momenti significativi legati alla memoria, iscrivendosi alla pagina e al gruppo Facebook “Tutti in Gigliola”. Si cercano anche gli indirizzi e i recapiti dei Mangolini emigrati e c’è dunque bisogno di far circolare le informazioni. Il programma (box in alto) è in via di definizione: alla mattina ci sarà una camminata nel Boscone fino a Cà Elciona, e dalle 18 in poi, sotto il grande albero che sovrasta la piazzetta, ci si ritroverà per la festa «alla riscoperta - spiega Mara Mangolini - di fare vicinato».

Alessandra Mura

©RIPRODUZIONE RISERVATA