Gorino si risveglia tra scioperi e barricate

A turni di cinque per impedire l'accesso al paese. Bambini a casa da scuola, nessun pescatore è uscito in mare

GORINO. Dopo la rivolta di ieri sera (lunedì 24 ottobre), questa mattina Gorino si è risvegliata ancora bellicosa. I cittadini sono rimasti a presidiare le barricate per tutta la notte, a turni di cinque, per bloccare la strada di accesso al paese e impedire alle persone di andare al lavoro. Uno "sciopero" della cittadina che ha coinvolto anche le scuole e i pescatori: la maggior parte dei bambini non è andata in classe e nessuno è uscito in mare. A essere rimasto aperto è solo un negozio di alimentari.