Alleanza Carim nessuna richiesta a Caricento

Mentre la sorte delle quattro banche risolute (Carife, Etruria, Marche e Chieti) è ancora da definire, ma procede comunque per sentieri propri, negli scenari relativi ad altri istituti in difficoltà...

Mentre la sorte delle quattro banche risolute (Carife, Etruria, Marche e Chieti) è ancora da definire, ma procede comunque per sentieri propri, negli scenari relativi ad altri istituti in difficoltà continua ad essere coinvolto l’altro istituto provinciale. Caricento può disporre in effetti di un piccolo tesoretto, sotto forma di riserva di capitale, ed è collocata in maniera strategica rispetto a Toscana e Romagna, cioè le zone dove si stanno cercando soluzioni per banche come Carim e San Miniato. Da piazza Guercino non arrivano commenti ufficiali alle recenti indiscrezioni su di una possibile aggregazione a tre, con Cento a fare appunto da pivot, ma i segnali non vanno in questa direzione. Carim ha congelato la prima tranche da 40 milioni dell’aumento di capitale concordato con Bankitalia, e l’idea della famosa alleanza dell’Emilia est (anche Caricesena con il Fondo interbancario come azionista è da sempre citata come possibile componente di questo polo) è tornata d’attualità proprio per lo spazio creato da questa operazione. Non risultano però indicazioni specifiche in questo senso da parte di Bankitalia, ed in ogni caso Caricento non appare disponibile.