«Tour per Carife»

Il 22 novembre cade il primo ‘anniversario’ del decreto Salva-banche, cioè «l’esproprio dei nostri risparmi imposto dal governo guidato da Matteo Renzi» pur «di salvare le banche», per come lo...

Il 22 novembre cade il primo ‘anniversario’ del decreto Salva-banche, cioè «l’esproprio dei nostri risparmi imposto dal governo guidato da Matteo Renzi» pur «di salvare le banche», per come lo ricordano i No Salvabanche. Il gruppo ferrarese-bolognese di azzerati indica nel «Pd il principale rappresentante politico che ha appoggiato questi interessi finanziari», assieme a Bankitalia e Consob. Questa è la premessa al ‘Carife tour’, cioè «una passeggiata per le strade di Ferrara per denunciare pubblicamente i responsabili del nostro impoverimento. Non ci accontentiamo delle poche briciole distribuite dal decreto d’indennizzo, rivogliamo tutto ciò che è nostro». A margine una polemica contro la Questura che, sulla base di «una legge governativa ad personam», ha impedito di esprimere «il nostro No contro Renzi e sul referendum, riservando questa possibilità esclusivamente ai partiti politici. È l’ennesimo tentativo del governo Renzi d’imbavagliare il dissenso».