Maxi-appalto per il gas È stato scelto l’advisor

Primo passo concreto verso la maxi-gara per la distribuzione del gas, che con un valore stimato di circa mezzo miliardo di euro si collocherà al vertice assoluto per quanto riguarda gli appalti...

Primo passo concreto verso la maxi-gara per la distribuzione del gas, che con un valore stimato di circa mezzo miliardo di euro si collocherà al vertice assoluto per quanto riguarda gli appalti pubblici di tutti i tempi in provincia di Ferrara. Palazzo Municipale ha infatti selezionato l’advisor per l’attività di supporto tecnico, di fatto chi dovrà determinare i limiti dimensionali e le caratteristiche della gara. Le ditte partecipanti alla procedura aperta quest’estate sono state quattro, una esclusa (lo studio legale Radice e Cereda), e il vincitore è risultato lo studio Fracasso srl con sede a Montesilvano, nel Pescarese. Per 145mila euro, il valore dell’attività messa a procedura, l’advisor dovrà tra l’altro definire il valore residuo delle reti da calcolare nell’importo della gara. Il gas naturale, sia da cucina che per riscaldamento, finisce nelle abitazioni dei ferraresi grazie ad un gestore che si occupa delle distribuzione all’utente finale, e fino ad oggi i Comuni si sono regolati come volevano. Nell’ambito di Ferrara, che corrisponde alla provincia, ci sono 9 gestori diversi, a partire da Hera, per gli oltre 3mila chilometri di rete (in parte venduti alla stessa Hera e in parte di proprietà degli enti pubblici), 182.825 punti di riconsegna attivi, 338 milioni di metri cubi distribuiti all’anno. La gara a valenza europea dovrà appunto trovare entro il 2018 il gestore della distribuzione nell’Ambito 96, che ha un valore economico enorme e attirerà l’attenzione dei colossi europei.