Nuova convenzione per il social housing al Palaspecchi

Il prossimo (ultimo?) passaggio preliminare per la nascita del fondo immobiliare che dovrà riqualificare il Palazzo degli Specchi, attraverso la costruzione di 268 appartamenti in social housing e la...

Il prossimo (ultimo?) passaggio preliminare per la nascita del fondo immobiliare che dovrà riqualificare il Palazzo degli Specchi, attraverso la costruzione di 268 appartamenti in social housing e la nuova sede della Polizia municipale, è l’approvazione da parte del Consiglio comunale della nuova convenzione tra i soggetti interessati alla riqualificazione. In particolare, è stato sottolineato nel vertice operativo di ieri tra i futuri gestori di Investire, Comune e Acer, bisogna spostare in avanti la data di consegna della sede, che era fissata al 30 maggio nella convenzione firmata nel 2011, e adattare il tutto alla nuova normativa degli appalti pubblici. «Siamo stati tutti d’accordo nella necessità di fare presto, in due-tre mesi la convenzione dovrebbe essere pronta per l’approvazione - ha spiegato al termine l’assessore Roberta Fusari - Una volta definita la nuova convenzione si potrà costituire il fondo che dovrà occuparsi della riqualificazione, e i permessi di costruire sono già pronti, quindi gli appalti potranno partire subito». Le quote del fondo, che si chiamerà Ferrara social housing, saranno in massima parte, attorno all’80%, della Cassa depositi e prestiti, che ci mette i 43 milioni necessari, e nella parte restante del costruttore Vittadello, di Acer e di Ferrara 2007, la proprietaria dell’immobile. Investire Sgr è appunto il “regista” dell’operazione.

All’incontro di ieri in Municipio erano presenti il direttore d’Investire, Fabio Carlozzo, il sindaco Tiziano Tagliani assieme all’assessore Fusari e ai responsabili del procedimento urbanistico, e Acer con il direttore Diego Carrara.

Non c’erano, invece, i rappresentanti di Ferrara 2007 che però nel pomeriggio hanno fatto arrivare in Municipio una Pec con un’assicurazione: saranno loro, lunedì mattina, a inviare le squadre di lavoro per avviare la bonifica della struttura. Il termine ultimi per ottemperare all’ordinanza sindacale scadeva appunto ieri e il Comune aveva già messo in preallarme Ferrara Tua, per lo sfalcio esterno. Si vedrà tra poche ore.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi