Minaccia con la pistola i venditori porta a porta

Checco Zalone nella scena di "Sole a catinelle" in cui apre la porta al personale di Equitalia

Denunciato un uomo di 58 anni, sequestrata l'arma e, per precauzione, anche le altre che aveva in casa

COMACCHIO. Non è accaduto nulla alle persone, allora ci si può anche scherzare un po'. Sì, perché quante volte avermmo voluto prenderci una rivincita e mettere in fuga i molestatori quotidiani. Testimoni di Geova, rappresentanti di piccoli elettrodomestici per pulire la casa, per non parlare di chi ti vuole convincere a cambiare fornitore delle utenze di luce e gas. Non tutti sono pronti a respingere l'assalto, men che meno hanno pronta la battuta al fulmicotone alla Checco Zalone nel film "Sole a catinelle": «Salve siamo di Equitalia, nooo grazie noi siamo cattolici».

Un uomo comacchiese, nella serata di ieri, mercoledì 22 febbraio, non aveva la battuta pronta, così ha utilizzato metodi più spicci, minacciando i malcapitati venditori nientemeno che con una pistola.

Il tutto termina verso le 20.30 di ieri, quando i carabinieri della Stazione di Comacchio hanno denunciato alla competente autorità giudiziaria un uomo italiano, classe 1959, per omessa custodia di armi e per minaccia aggravata, avendo minacciato, presso la propria abitazione, con una pistola legalmente detenuta due rappresentanti\venditori di elettrodomestici porta a porta. A seguito dell'intervento, i militari ponevano sotto sequestro penale la pistola, operando anche un ritiro cautelativo di altre armi.