Goro, scontro tra barche: muore a diciotto anni

Incidente in Sacca, nell'urto lui batte la testa e cade in acqua: inutili i soccorsi

GORO. La richiesta di aiuto è arrivata in porto venerdì mattina alle 8. Due imbarcazioni sono entrate in collisione mentre percorrevano il canale navigabile che da Goro porta a Gorino. Alex Ballarini, pescatore di 18 anni, è morto una volta arrivato a terra mentre suo padre, Jimmy di 42 anni e Sandro Tagliatti sono rimasti feriti in maniera non grave mentre il quarto membro dell’equipaggio, Simone Tagliatti di 45 anni, è stato portato d’urgenza a Cona. L’esatta dinamica dell’incidente è al vaglio degli uomini della capitaneria di porto che fin dai primi minuti hanno presto aiuto e soccorsi alle persone rimaste coinvolte.

Ma veniamo ai fatti. Come ogni mattina due piccole imbarcazioni a motore, una di Goro e l’altra di Gorino, stavano navigando all’interno della Sacca e ogni equipaggio era diretto verso la propria concessione per raccogliere le vongole e pulire lo specchio d’acqua. Sulla “Alex B.” viaggiavano in quattro, tutti pescatori della Cooperativa Atlantica di Gorino, a bordo della Nikita si trovavano due uomini del Consorzio pescatori di Goro. In quel canale avranno viaggiato centinaia di volte, percorso in lungo e in largo quasi ogni giorno della settimana. Eppure venerdì mattina qualcosa è andato storto.

In mare aperto, tra quei mille pali di legno che spuntano dall’acqua è presente un incrocio che vede a destra la via per Lido Volano e a sinistra il porto di Gorino. La Nikita stava per imboccare il canale navigabile, l’Alex B. lo stava percorrendo, o almeno così pare da una prima ricostruzione, quando si sono scontrate. La prua della prima è arrivata dritta nella fiancata sinistra della seconda (sono gli unici dettagli oggettivi ben visibili dalle condizioni delle due imbarcazioni) e lo scontro è stato così violento che Alex Ballarini è volato in acqua. Sono stati attimi di terrore, confusione, durante i quali alcuni membri di entrambi gli equipaggi sono però riusciti a chiamare i soccorsi mentre un altra barca di pescatori è arrivata in aiuto.

Diverse persone presenti si sono gettate in acqua, hanno recuperato il corpo del 18enne, lo hanno adagiato sulla terza barca che è volata in porto dove ad attenderli c’erano già i soccorsi. Vista la gravità della situazione, è stato chiamato anche l’elisoccorso partito da Ravenna e purtroppo tornato indietro pochi minuti dopo l’arrivo perché Alex non ce l’ha fatta. Simone Tagliatti, che nell’incidente ha riportato brutte fratture, è stato portato in ambulanza all’ospedale Sant’Anna di Cona dopo le prime cure mediche prestate sulla banchina del porto.

Il comandante della Capitaneria Fabrizio Vittozzi è rimasto tutta la mattina tra Goro e Gorino per ricostruire l’esatta dinamica e ascoltare i testimoni. Le due imbarcazioni sono state sottoposte a sequestro e non saranno rimesse a disposizione dei proprietari finché le indagini non saranno finite. La Sacca di Goro al mattino vede sempre una fitta foschia, se non vera e propria nebbia. Alle volte, come potrebbe essere successo venerdì, i raggi del sole spuntano quasi all’improvviso e in maniera netta, impedendo o limitando la visuale. Naturalmente, indipendentemente dalle condizioni meteo, tutte le barche devono viaggiare in sicurezza e gli inquirenti stanno infatti cercando di capire se tutte le misure richieste sono state rispettate.