In mille dalla Polonia con l’autostop

Un'avventura davvero fuori dal comune, i partecipanti resteranno circa una settimana 

In mille dalla Polonia a Comacchio in autostop

LIDO SCACCHI. È davvero un’avventura «fuori dal comune», come ha voluto definirla l’organizzatrice Anna Kaczmarek, la gara d'autostop, che ha preso il via sabato 29 aprile da Poznan, in Polonia, con traguardo Comacchio e i suoi Lidi. La 23enne Olga Zabiello e la sorella Maria, di un anno più giovane, sono arrivate per prime tra mille partecipanti alla gara, che si ripete da nove anni.

«Il nostro gruppo è specializzato nell’organizzare manifestazioni innovative - spiega Anna - e i nostri destinatari sono le persone che non riescono a stare ferme nello stesso posto per più di 10 minuti. Di anno in anno è sempre aumentato il numero degli iscritti alla gara di autostop e questa volta abbiamo raggiunto un numero impensato di ben mille partecipanti».

Gli autostoppisti polacchi, tutti giovani di età compresa tra 20 e 30 anni, si sono dati appuntamento sabato alle 9 nel centro di Poznan e con il pollice rivolto verso l'alto hanno intrapreso la singolare sfida. Olga e la sorella Maria sono arrivate nella stessa sera di sabato, dopo sole 10 ore di viaggio all’Holiday Village Florenz del Lido Scacchi, dove in queste ore stanno arrivando anche altre centinaia di autostoppisti. L’inglese, come l'autostop è un veicolo in grado di varcare tutti i confini e proprio grazie a questa lingua universale si è scoperto che Olga e la sorella hanno raggiunto il Florenz ricorrendo a tre soli autostop.

A Venezia sono riuscite a convincere chi le ospitava di fare uno strappo ulteriore sino al Lido Scacchi. Ora gli autostoppisti soggiorneranno per una settimana sul territorio, che hanno scelto di visitare. Le due vincitrici si sono aggiudicate in premio l’ingresso gratuito al Museo Delta Antico e alla Casa Museo “Remo Brindisi” del Lido di Spina.


Katia Romagnoli