Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Uscire attraverso i corridoi Rispetto  di tutti i limiti

PORTO GARIBALDI. Il “Numero blu” per l’emergenza in mare In caso di emergenze o pericolo per la vita umana in mare chiama tempestivamente il “Numero Blu” gratuito 1530 o contatta telefonicamente la...

PORTO GARIBALDI. Il “Numero blu” per l’emergenza in mare In caso di emergenze o pericolo per la vita umana in mare chiama tempestivamente il “Numero Blu” gratuito 1530 o contatta telefonicamente la Guardia Costiera di Porto Garibaldi (0533/327141) o di Goro (05 33/996449). Divieto di navigazione in prossimità della costa: la fascia di mare sino a 500 (cinquecento) metri dalla costa è interdetta alla navigazione a motore e/o a vela. I comandanti/conduttori delle singole unità navali, sono re ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

PORTO GARIBALDI. Il “Numero blu” per l’emergenza in mare In caso di emergenze o pericolo per la vita umana in mare chiama tempestivamente il “Numero Blu” gratuito 1530 o contatta telefonicamente la Guardia Costiera di Porto Garibaldi (0533/327141) o di Goro (05 33/996449). Divieto di navigazione in prossimità della costa: la fascia di mare sino a 500 (cinquecento) metri dalla costa è interdetta alla navigazione a motore e/o a vela. I comandanti/conduttori delle singole unità navali, sono responsabili delle dotazioni delle rispettive unità e delle attrezzature/apparecchiature di sicurezza e marinaresche di bordo necessarie per il tipo di navigazione che intendono effettuare. L’attraversamento a motore e/o a vela della fascia di mare per una distanza di 500 (cinquecento) metri dalla costa, è consentito esclusivamente all’interno degli appositi corridoi di lancio/atterraggio, preventivamente autorizzati dagli uffici dei Comuni di riferimento, con andatura ridotta al minimo e velocità non superiore ai 3 (tre) nodi. Lo stazionamento, la sosta, l’ancoraggio e l’ormeggio a vario titolo nella fascia di mare sino a 500 (cinquecento) metri dalla costa, anche se in prossimità dei corridoi di lancio/atterraggio, è consentito alle sole unità da diporto regolarmente autorizzate dall’ente territoriale/locale competente.
Limite di velocità in prossimità della zona riservata alla balneazione: Fermi restando i divieti di navigazione, dal 1° maggio al 30 settembre , le unità navali a motore che navigano nella fascia di mare compresa tra i 500 (cinquecento) ed i 1000 (mille) metri dal la spiaggia, devono tenere una velocità non superiore a 10 (dieci) nodi e, comunque, devono navigare con lo scafo in dislocamento. Le domande di autorizzazione per l’installazione di corridoi di atterraggio, sia prospicienti ad arenili in concessione che liberi, devono essere presentate ai Comuni competenti entro il 5 maggio.