Ex Bazzi, l’offerta Kofler vale 198mila euro in più

«Ex Bazzi, in ogni modo, rinascerà». È questa l’unica certezza che al momento può spendere l’assessore Roberto Serra dopo aver subìto il colpo del ricorso al Tar della Torrefazione Caffè Krifi,...

«Ex Bazzi, in ogni modo, rinascerà». È questa l’unica certezza che al momento può spendere l’assessore Roberto Serra dopo aver subìto il colpo del ricorso al Tar della Torrefazione Caffè Krifi, contro l’assegnazione del negozio comunale appena ristrutturato al Kofler Group, che ne vuole fare una distilleria. Il ricorso, fa buon viso l’assessore, dimostra che «evidentemente il Comune ben ha fatto ad investire sull’immobile perché lo ha reso appetibile per le imprese del commercio, valorizzando tra l’altro il patrimonio pubblico». L’udienza del Tar per decidere sulla sospensiva (l’azienda ferrarese del caffè ha chiesto anche un risarcimento) è già fissata al 27 luglio, mentre i lavori strutturali sull’immobile (dei quali peraltro non si vede traccia) funzionali alla riapertura sono in previsione a dicembre: non c’è fretta, insomma, anche se il procedimento amministrativo non si chiude con il giudizio sulla sospensiva della gara. Ricorso, sottolinea Serra, appreso «direttamente da una missiva di un legale».

Nel frattempo vanno chiariti alcuni punti, tengono ad evidenziare a Palazzo Municipale. È vero che nella graduatoria finale a dividere la proposta vincente di Kofler da quella Krifi ci sono meno di 2 punti su 100 ottenibili. Le offerte economiche di due dei tre contendenti, tuttavia, erano ben più differenziate: Kofler ha offerto un aumento percentuale rispetto alla base d’asta del 52%, ovvero un canone annuo per la prima annualità di 39.824 euro; Krifi, invece, si era fermata a +20%, pari a 31.440 euro. La differenza tra le due offerte aumentava progressivamente per le successive annualità, come previsto dal bando, fino ad arrivare ad un canone di 54,416 euro per la ventesimo anno, contro 42.960 euro del ricorrente: 9.920 euro di media in più, pari a 198mila euro totali.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi