Ferrara. Uccide moglie e figlio, dà fuoco alla casa e si toglie la vita in strada

È successo in centro città di prima mattina. L'uomo, 77 anni, si è sparato. Il dramma forse acceso da problemi economici: la famiglia era sotto sfratto, oggi erano attesi ufficiale giudiziario e carabinieri

Doppio omicidio e suicidio in centro a Ferrara

FERRARA. Dramma in famiglia, in centro a Ferrara. Un uomo di 77 anni, Galeazzo Bartolucci, attorno alle 6 di stamattina, venerdì 4 agosto, all'interno della loro abitazione in piazzetta fratelli Bartolucci, ha impugnato una vecchia pistola e ha sparato un colpo alla testa alla moglie, Mariella Mangolini di 77 anni, e uno alla testa del figlio, Giovanni Bartolucci di 48 anni (leggi "l'appello del figlio: sono disoccupato"), uccidendoli.

Ferrara, i vigili del fuoco portano fuori le pellicole cinematografiche dalla casa del dramma

Quindi l'uomo è sceso dal primo piano, dove si trova l'appartamento, e ha dato fuoco all'abitazione, alle spalle della chiesa di San Paolo, e poi è uscito. Ha fatto solo poche centinaia di metri: in via Boccanale di Santo Stefano, sotto i portici di fronte all'ingresso di casa Cini, e ha rivolto l'arma verso di sè, sparandosi un colpo mortale.

Doppio omicidio-suicidio di Ferrara, il luogo del ritrovamento del corpo dell'omicida

Inizialmente sono intervenuti i vigili del fuoco, allertati per l'incendio che aveva aggredito un deposito a piano terra e il vano scala, che porta all'appartamento teatro del duplice omicidio, al primo piano. Verso le 7.30, invece, la questura cittadina è stata allertata dai passanti in via Boccacanale Santo Stefano, per la presenza di un cadavere appoggiato al muro del porticato. Nel frattempo i vigili del fuoco hanno rinvenuto i due cadaveri semicarbonizzati all'interno dell'abitazione e c'è voluto poco per mettere in relazione i due fatti.

All'origine della tragedia, presumibilmente, la grave situazione finanziaria in cui versava la famiglia: già un mese addietro l'ufficiale giudiziario si era presentato per pignorare i beni immobili, ma aveva concesso una proroga alla famiglia per consentirle di sgomberare i propri effetti personali. Oggi a mezzogiorno il delegato del tribunale sarebbe tornato per eseguire lo sfratto: Bartolucci, arrivato a questa resa dei conti, ha deciso di farla finita.