Cade in casa e muore ex vicesindaco socialista

Andrea Malfaccini, 69 anni, fu protagonista della politica degli anni Novanta Revisore Carife, tentò per anni di ottenere una sentenza sul commissariamento

FERRARA. È morto dopo essere entrato in coma a seguito di una caduta in casa Andrea Malfaccini, 69 anni, ex vicesindaco di Ferrara. L’incidente è avvenuto domenica, quando Malfaccini era solo nella sua abitazione, e il decesso risale al giorno successivo. I funerali sono fissati per domani alle 16 nella chiesa di Santa Francesca Romana. Malfaccini era notissimo in città per la sua attività politica, da esponente di vertice dei socialisti, e per quella professionale, da commercialista e revisore dei conti di Carife. «Ho avuto il piacere di stare al suo fianco come assessore, quando lui era il vicesindaco di Roberto Soffritti, all’inizio degli anni Novanta - racconta Claudio Campana, storico esponente socialista - Furono anni davvero importanti per la città, forse anche per questo la gente si ricorda così bene di Malfaccini amministratore». In seguito fu coordinatore dello Sdi ed esponente della Margherita, per poi lasciare la politica attiva. Nel 2010 divenne sindaco revisore di Carife e per quell’incarico venne coinvolto nelle vicende che portarono al crac della banca. Gli ultimi quattro anni li dedicò al tentativo di ottenere un pronunciamento giudiziario contro il commissariamento della banca. «Ci ha lasciati prima di avere la soddisfazione di una sentenza - dice Daniele Malucelli, azionista Carife - Non l’avremo mai, a meno che un erede non s’intesti questa battaglia». (s.c.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA