La rotta ferrarese della marijuana. L'ipotesi: i trafficanti spinti al Nord da sequestri e arresti

Le continue operazioni antidroga davanti alle coste della Puglia possono aver spinto i trafficanti di droga in partenza dall’Albania a modificare le proprie rotte.

Salento, motoscafo inseguito e bloccato in mare: a bordo mezza tonnellata di marijuana

Le continue operazioni antidroga davanti alle coste della Puglia possono aver spinto i trafficanti di droga in partenza dall’Albania a modificare le proprie rotte, dirigendo la prua sempre più a Nord.

Lo spunto investigativo su cui stanno lavorando gli inquirenti ferraresi dopo il sequestro record ai Lidi, ripercorre una serie di operazioni che hanno fatto luce su un’organizzazione criminale con elementi salentini ed albanesi che aveva riattivato i vecchi canali per il contrabbando di sigarette, immettendovi fiumi di marijuana. Dall’inizio dell’anno i sequestri, alcuni effettuati sulle spiagge a sud di Brindisi (in particolare Cerano e Torre San Gennaro) ed altri direttamente in mare, davanti alle coste brindisine e del nord leccese, hanno fatto mettere le mani su tre tonnellate e mezzo di droga per un valore di circa 35 milioni di euro. In occasione di uno sbarco è stato trovato un Kalašnikov con 119 cartucce.

Droga, Guardia di finanza: inseguimento nel Mar Ionio, 7 arresti

Secondo le dinamiche evidenziate dagli investigatori pugliesi, agli ex contrabbandieri brindisini erano stati assegnati il compito di guidare le imbarcazioni piccole e veloci che solcano l'Adriatico e incarichi di vedetta. Agli italiani toccava inoltre custodire la droga, nascondendola in anfratti e piccole grotte a ridosso della spiaggia, per consegnarla poi agli albanesi che svolgevano la funzione di corrieri e che gestivano lo spaccio al dettaglio. Tra un sequestro e l’altro sono scattate anche le manette. A fine luglio a Lecce sono stati arrestate quattordici persone.

Gargano, scaricano droga in mare per seminare la finanza: due arresti

Le organizzazioni si sono riorganizzate verso Nord? A Silvi, in provincia di Teramo, sempre in luglio una mareggiata ha portato in spiaggia una confezione di marijuana del tutto simile a quelle sequestrate ai Lidi ferraresi; pochi giorni e decine di balle sono state spinte dalla corrente sulla battigia di Porto Recanati, nelle Marche.