«Rifiuti, meglio porta a porta con la gestione in house»

Le difficoltà del passaggio al nuovo sistema di raccolta rifiuti, ma anche il «duro intervento di Anac su Atersir e Hera», a proposito dell’affidamento degli appalti a Herambiente (che non riguarda...

Le difficoltà del passaggio al nuovo sistema di raccolta rifiuti, ma anche il «duro intervento di Anac su Atersir e Hera», a proposito dell’affidamento degli appalti a Herambiente (che non riguarda Ferrara ma Tiziano Tagliani, in qualità di presidente Atersir). Sono i due elementi dai quali parte il M5s per «chiedere all’amministrazione comunale di svincolarsi dall’oppressivo monopolio di Hera, in termini di raccolta, gestione e smaltimento rifiuti, per puntare piuttosto alla costituzione di una società in house, sul modello di Forlì e altre realtà più virtuose». La richiesta è contenuta in un ordine del giorno firmato da Claudio Fochi, che sarà discusso in Consiglio comunale. I pentastellati chiedono anche di specificare i costi del nuovo sistema a calotte e specificare «quali saranno i costi di ricaduta sui cittadini nelle future bollette». M5s propone in alternativa il porta a porta.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi