«Da Piacentini soltanto parole»

Tagliani e Romanini alla consigliera: da lei nessuna idea o proposta

«C’è chi prova a risolvere problemi, fra mille difficoltà e ostacoli, e chi invece preferisce alimentare dibattiti», scrive Tagliani. Intendendo che lui, il presidente della Provincia oltre che sindaco di Ferrara, è quello che «prova a risolvere i problemi» mentre l’altro, cioè la consigliera provinciale Francesca Piacentini (che è anche consigliera comunale a Bondeno, in quota Udc), avvocato come Tagliani, preferisce limitarsi a fare dichiarazioni senza impegnarsi in concreto. La polemica è partita dallo stato malandato delle strade provinciali, con un attacco della Piacentini rivolto alle scelte della Provincia, alla quale ha risposto lo stesso presidente offrendo la delega al Bilancio alla stessa Piacentini che poi ha rifiutato spiegando di voler rispettare il mandato ricevuto dagli elettori. «Se la consigliera pensa che la mia lettera - replica Tagliani - con la quale le ho proposto la delega del Bilancio della Provincia fosse una provocazione, è un problema suo».

Se la consigliera ritiene che le risposte della Provincia sono «inaccettabili», aggiunge il presidente, dica almeno «quali idee, soluzioni o proposte, avrebbe in animo di suggerire. Altrimenti si potrebbe pensare che i suoi ripetuti inviti ad asfaltare le strade provinciali bondenesi, che sono certo una preoccupazione più mia che sua, visto che ne rispondo di fronte alla legge, servono solo al suo elettorato». Conclusa la diatriba diretta con la consigliera Tagliani si rivolge ai cittadini spiegando che «spendiamo già tutti i soldi che abbiamo a disposizione per strade e scuole, sulla base di priorità decise dal Consiglio provinciale, quindi anche dalla Piacentini; abbiamo ricavato risorse straordinarie per quasi 15 milioni di euro in due anni vendendo patrimonio e partecipazioni; se ci sono buone idee ben vengano, anche da parte delle opposizioni, se invece si agita la polemica perché non si è capaci di spiegare cosa ci si sta a fare in Provincia, allora era meglio fare eleggere qualcun altro».

Maria Teresa Romanini, sindaco di Lagosanto e detentrice della delega al Bilancio della Provincia, racconta che «il presidente mi ha proposto di assegnare la delega a Francesca Piacentini e io ero d’accordo: è più facile infatti fare polemiche che occuparsi seriamente dei problemi e trovare le soluzioni in un momento in cui le Province hanno meno soldi di quelli che servono per fare tante cose. Ma come avevo immaginato la consigliera si è ben guardata dall’accettare l’incarico».