Cori di sostegno e fischi per Renzi a Ferrara

"Matteo, Matteo, Matteo..." L'arrivo di Renzi a Ferrara

Le prime tre file compatte, della folla assiepata lungo il marciapiede, scandiva il suo nome, gli urlava di continuare. Bandiere del Pd, sorrisi e baci. Dietro, fuori dal cerchio visivo del segretario Matteo Renzi e degli altri vertici del partito che attorno alle 18 sono scesi dal treno #destinazioneItalia, qualche contestatore. Pochi, sul marciapiede del binario uno, in buon numero fuori dalla stazione.

"Vergognatevi!". I risparmiatori traditi contestano Renzi (e Marattin) a Ferrara

Tenuti sul lato opposto del piazzale dove avevano il proprio sit-in le sigle del risparmio tradito (ma una rappresentanza degli Azzerati ha fattoi il viaggio in treno da Rovigo) e gli Insorgenti. Renzi è stato fatto uscire dal piazzale laterale, quello dello scalo merci. Battibecchi e confronti vivaci tra il pubblico del Pd e i contestatori, ai cancelli