Una rete con il cuore a Ferrara

La Nuova Ferrara ha superato i 50mila fan su Facebook

Il fondo domenicale del direttore della Nuova Ferrara

FERRARA. Oggi parliamo di noi, della comunità che cresce attorno alla Nuova Ferrara, sul web e attraverso i social. La pagina Facebook del giornale ha tagliato il traguardo dei cinquantamila fan e ancor più sono gli utenti che la seguono: una rete di relazioni stesa a coprire mezzo mondo, estremamente densa in questo lembo di pianura padana (com’è logico) ma con nodi importanti in tutta Europa e in America, e propaggini negli altri continenti. La geografia dei contatti riflette la mappa dei ferraresi che vivono fuori e che attraverso la declinazione digitale del nostro lavoro guardano attenti agli interessi e agli affetti lontani. Dinamica chiara e prevedibile. Ciò che non era scontato, nella fotografia panoramica scattata da Facebook ai nostri fan, sono i dati sulle lingue: una babele di idiomi.


Tutti parlano italiano, o quanto meno lo comprendono – ovvio. Ma migliaia e migliaia di utenti collegati alla Nuova Ferrara dichiarano di avere una diversa lingua madre, e lo confermano con il settaggio del proprio profilo negli immancabili inglese, francese, spagnolo, portoghese, russo, romeno e cinese, ma anche in lingue molto meno scontate come il giapponese, l’azero, il danese o il fiammingo. Una cinquantina di lingue differenti, segno evidente che il giornale rappresenta una finestra riconosciuta e privilegiata per chi da fuori si affaccia su Ferrara e cerca di comprenderla. Una finestra che si allarga rapidamente.


I cinquantamila fan della notte tra martedì e mercoledì sono il doppio dello scorso anno, e già ieri erano 170 in più. Sono un traguardo che il giornale festeggia con voi e che ci chiama a fare di più e meglio. Con le radici ben piantate nel territorio e gli occhi aperti sempre sul mondo.
Buona domenica.

Luca Traini