«Io, aggredito da Feher, sono vivo per miracolo»

I trascorsi di "Igor il russo". Piero Di Marco ricorda l’agguato di cui è stato vittima il 30 marzo a Consandolo. «Mi sono salvato perché non ho perso la calma, è stata una rapina, non un furto»