Comacchio piange Gardellini: «Ha seminato bontà e passione»

Centinaia di messaggi alla famiglia, che ha attivato una raccolta fondi a favore dell’Ado

COMACCHIO. Si moltiplicano in queste ore, e sono trasversali agli steccati della politica, le attestazioni di cordoglio per la scomparsa di Giuseppe Luciano Gardellini, pilastro del volontariato e del Pd lagunare, morto venerdì all’Hospice di Codigoro, al culmine di una malattia. In attesa dei funerali, che saranno celebrati domani alle 10.30 nella chiesa del Rosario, sono già state messe in campo due iniziative per ricordare il 77enne dal cuore grande, che tanto si è speso al servizio della collettività, anche prestando servizio volontario di sorveglianza nel Museo Delta Antico.

La famiglia ha attivato una raccolta fondi a favore dell’Ado, mentre Silvia Straforini, educatrice della cooperativa Girogirotondo, coordinatrice del progetto “A stile libro”, creato per incentivare la lettura a voce alta di fiabe, sta organizzando con Alessandro Minghini, lettore volontario del gruppo di genitori, una mattinata di letture dedicate a Gardellini. «Ci troveremo sabato nella biblioteca di Ostellato, paese natale di Giuseppe - spiega Silvia - per leggere ai bimbi le Favole a rovescio di Gianni Rodari e altre fiabe che a lui piacevano. È il nostro omaggio ad un amico che ci ha sempre seguiti con dedizione, lo faremo in allegria, -conclude Silvia - come lui avrebbe voluto».

Oltre ai sindaci Fabbri di Comacchio, Marchi di Ostellato, Romanini di Lagosanto e tanti esponenti del Pd e del centrosinistra e non solo, in tanti continuano a testimoniare l’affetto e la gratitudine per Giuseppe Luciano Gardellini, ex-muratore in pensione, sempre in prima linea, sino agli ultimi mesi di vita. «Chi lo ha conosciuto, sa veramente il valore che abbiamo perso nel volontariato e non solo - dice Cristian Zappata dell'associazione Marasue - ciao Luciano, piccolo ma grande uomo». Con la voce rotta dal pianto, la giovane nuora Ortensia Amadei, dice che «ha seminato tanto e tanto rimarrà. Ieri era il compleanno del suo adorato nipotino Michael, abbiamo annullato la festa. Era per me un padre, un uomo di valori sani, un esempio di vita. Come faremo senza di lui?». Gardellini, che aveva attraversato tutte le fasi evolutive in seno alla sinistra, «viveva un amore antico per la politica - spiega Cristina Cicognani -, non ha mai considerato la politica uno strumento per uso personale e questa sua passione autentica è stata la sua grandezza».

Gabriele Bellini, ex segretario locale del Pd aggiunge che «in molti lo ricorderanno per la sua opera instancabile di volontariato e per il suo incredibile amore per Comacchio, città che lo aveva accolto tanti anni fa. Io lo voglio ricordare per quell'amico che è stato, confidente e complice».

Katia Romagnoli