Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Nasce Pronto intervento per i minori in difficoltà

Bondeno, un nuovo servizio per far fronte a situazioni delicate e urgenti L’assessore: risposte immediate a bambini e ragazzi che non possono aspettare

BONDENO. Un “Pronto intervento sociale”, in grado di intervenire in ogni situazione di difficoltà e disagio da parte dei minori. Il cosiddetto PriIS (acronimo riferito precisamente a questo nuovo servizio) è già esecutivo ed esiste anche un vademecum, che è stato diffuso ai comuni del distretto Ovest (oltre a Bondeno, ne fanno parte Cento, Terre del Reno, Vigarano Mainarda e Poggio Renatico) che stanno collaborando all’iniziativa.

Ma di che cosa si tratta? «L’obiettivo che ci siamo prefissi, ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

BONDENO. Un “Pronto intervento sociale”, in grado di intervenire in ogni situazione di difficoltà e disagio da parte dei minori. Il cosiddetto PriIS (acronimo riferito precisamente a questo nuovo servizio) è già esecutivo ed esiste anche un vademecum, che è stato diffuso ai comuni del distretto Ovest (oltre a Bondeno, ne fanno parte Cento, Terre del Reno, Vigarano Mainarda e Poggio Renatico) che stanno collaborando all’iniziativa.

Ma di che cosa si tratta? «L’obiettivo che ci siamo prefissi, attraverso la definizione di precise linee guida, è quello di garantire una risposta rapida e appropriata, rispetto ai bisogni di minori in difficoltà», assicura l’assessore alle Politiche sociali del Comune di Bondeno, Cristina Coletti. Per fare alcuni esempi concreti: minori in stato di abbandono segnalati dalle forze dell’ordine e dalle strutture sanitarie. Per i quali occorre agire con risposte immediate, garantendo un servizio capillare ed anche una reperibilità del personale anche oltre gli orari di chiusura dei Servizi sociali territoriali.

«Una sfida che i vari enti hanno accolto, per fare fronte a situazioni che si verificano, purtroppo, con una certa regolarità – sottolinea Coletti –. Una risposta al problema che è stata condotta attraverso un dialogo proficuo tra tutte le istituzioni coinvolte, comprese le forze dell’ordine e la Polizia municipale». A tale proposito, si è svolto un incontro teso a definire i dettagli del nascente protocollo d’intesa, tra l’assessore Coletti, la dirigente scolastica dell’Istituto Bonati, Stefania Borgatti, la coordinatrice del Pris, Ilaria Schiavon; Ambra Gardinali (responsabile Open Group), Mauro Marcellini (vicecomandante Polizia municipale) ed il comandante della stazione dei carabinieri di Bondeno, Abramo Longo. Presenti inoltre la dirigente del servizio, Paola Mazza, con le assistenti sociali del Comune: Giovanna Bonura ed Antonella Galiotta, e l’educatore Elena Bollini.

Sono possibili anche provvedimenti d’urgenza: in questi casi il minore sarà accompagnato dall’équipe educativa con la collaborazione delle forze dell’ordine, nel luogo protetto individuato.