Doposcuola “allargati” tutti i contributi del Comune

Progetti di doposcuola. È questa la dicitura all’interno della quale l’amministrazione comunale ha ricompreso un ventaglio piuttosto ampio di attività e di soggetti, ai quali assegnare una quota...

Progetti di doposcuola. È questa la dicitura all’interno della quale l’amministrazione comunale ha ricompreso un ventaglio piuttosto ampio di attività e di soggetti, ai quali assegnare una quota parte del contributo di 60mila euro destinati al sostegno alla famiglie. All’avviso pubblico avevano aderito 21 progetti, che sono stati tutti ammessi. Tra i primi in graduatoria ci sono l’Oratorio della Sacra famiglia e l’associazione Il Papavero, che hanno ottenuto il punteggio massimo e incassano 4.347,6 euro a testa; il comitato genitori della Leopardi, il progetto del Consorzio SI e i quattro “Doposcuola per tutti” della coop Camelot (3.478,08 euro per ognuno di loro). Si piazza a ridosso dei primi anche il doposcuola “Il Grattacielo” che si aggiudica 2.608,56 euro (al pari di Autogestione Quartesana, comitato genitori di Baura e di Malborghetto), poco più sotto l’Open mind della Comunità camerunese di Ferrara. I criteri di selezione, fa sapere la giunta comunale che ieri ha approvato i contributi, tengono conto dell’estensione del servizio a famiglie in difficoltà, sostenendone la tariffa per quota o per intero; ridurre in parte la retta e incentivare l’integrazione dell’organico.