«Non erano “veri” incarichi legali»

Il sindaco: solo domiciliazioni. Dalla Corte dei conti rilievi in due casi