L’uomo che archiviò il manicomio

Antonio Slavich lavorò a Ferrara. I numeri di oggi tra luci e ombre