Parcheggi, letti “vip”, San Giorgio, mensa: risparmi per 2 milioni

Tra le pieghe del bilancio è possibile quantificare anche quanto hanno pesato sui conti dell’azienda ospedaliera alcune delle scelte compiute nel 2016-2017. Si tratta di partite che, sommate e...

Tra le pieghe del bilancio è possibile quantificare anche quanto hanno pesato sui conti dell’azienda ospedaliera alcune delle scelte compiute nel 2016-2017. Si tratta di partite che, sommate e rapportate alle entrate del Sant’Anna (300 milioni di euro), hanno comunque una loro rilevanza. La consegna della “gestione parcheggi” a Prog.Este a partire dal 2016 (in pratica l’affidamento al concessionario della responsabilità di attivare le sbarre nelle aree di sosta in qualsiasi momento, previo preavviso di due mesi) e della “gestione letti a pagamento”, anche questa da considerarsi «interamente nella disponibilità del concessionario», vale per l’ospedale «un recupero strutturale di 830mila euro» perché non sono state emesse fatture per il 2016 e 2017. La rinegoziazione del costo mensa vale 383mila euro di «recupero strutturale». E con il trasloco del San Giorgio risparmi per 1 milione l’anno.