Cinque partner per sanare un’opera del “Bastarolo”

Sono cinque i partner cittadini che collaboreranno per il restauro e la valorizzazione del dipinto “La decollazione di San Giovanni Battista” di Giuseppe Mazzuoli, detto il Bastarolo. Comune di...

Sono cinque i partner cittadini che collaboreranno per il restauro e la valorizzazione del dipinto “La decollazione di San Giovanni Battista” di Giuseppe Mazzuoli, detto il Bastarolo. Comune di Ferrara, Asp-Centro servizi alla persona, Consorzio Futuro in Ricerca, Fondazione Ferrara Arte e Università di Ferrara-Dipartimento di Architettura sottoscriveranno infatti un accordo di collaborazione, il cui testo è stato vagliato dalla Giunta comunale, mirato alla conduzione di indagini scientifiche e storico artistiche (test diagnostici, rilievo dello stato di contaminazione microbica) e al successivo restauro dell’opera che appartiene alla “Collezione Orfanotrofi e Conservatori”, di proprietà dell’Asp.

È infatti intenzione del Comune di Ferrara, attraverso la Fondazione Ferrara Arte e i Musei civici d’Arte Antica, allestire nel corso del 2019, all’interno del Castello Estense, un evento espositivo dedicato alle opere della Collezione, includendo fra i dipinti in mostra anche l’olio su tavola del Bastarolo, eseguito tra il 1560 e il 1589, che presenta gravi problematiche conservative della pellicola pittorica.


In base all’accordo, il Consorzio Futuro in Ricerca di Ferrara (CFR – operante all’interno del Centro Ricerche Inquinamento Fisico Chimico Microbiologico Ambienti Alta Sterilità – CIAS – dell’Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Architettura) eseguirà sull’opera, a proprie spese, una serie di indagini diagnostiche non invasive ed il rilievo dello stato di contaminazione microbica.

Dopodiché finanzierà l’intervento di restauro del dipinto stesso che sarà effettuato, a cura di una ditta specializzata, all’interno di ambienti di proprietà del Comune.

L’accordo non prevede oneri finanziari a carico di amministrazione comunale Ferrara e Asp.



La guida allo shopping del Gruppo Gedi