«Credevano avessi Igor nel baule della macchina»

Luigi Scrima, ex compagno di cella, usato come “esca” per catturare il killer. Era scappato anche lui in Spagna ed era sospettato di averlo aiutato nella fuga