Azzerati, sicurezza, sisma Le priorità dei giallo-verdi

Cestari (Lega): subito in commissione i risparmiatori, diverso il caso Carife Ricostruzione, Sal più veloci. Ferraresi (M5s) impegnato sui quartieri tipo Gad

Azzerati, sisma e sicurezza, con sullo sfondo l’autonomia regionale. Sono questi i temi che il territorio rilancia ai parlamentari della nuova maggioranza giallo-verde, al lavoro nelle pienezza delle funzioni a partire da domani. Campagna elettorale e contratto di governo hanno alzato la soglia delle aspettative, ed in particolare i leghisti ne sembrano consapevoli, anche perché sono incalzati dai vertici locali. «Sì, sono sempre in contatto con i nostri responsabili, Alan Fabbri e Naomo Lodi, e certo le loro sollecitazioni non cadono nel vuoto - promette Fulvio Cestari, deputato del collegio sisma - Uno dei primi atti del nuovo governo, dopo la fiducia di martedì e mercoledì, sarà sicuramente nominare il nuovo commissario per il terremoto, che dovrà affrontare subito una priorità: sbloccare i pagamenti dei Sal, gli stati di avanzamento lavori, che stanno mandando in sofferenza molte aziende impegnate nella ricostruzione. Ci sono non pochi casi di ritardi di sei mesi, che bloccano l’attività delle imprese. Da assessore al Bilancio di Bondeno ricevevo ogni giorno imprenditori che si lamentavano di questo».

Cestari è stato indicato dalla Lega come componente della Commissione Finanze della Camera, e in questa veste intende fare un passo veloce nei confronti degli azzerati Carife: «Parlerò subito con gli altri commissari, formalizzeremo al più presto una convocazione delle associazioni degli azzerati. La situazione dei ferraresi è particolare, perché 28 dei 32mila azzerati sono azionisti, e di una società che non era quotata in Borsa, Credo di debba essere un trattamento differenziato». Il deputato leghista, infine, ha già depositato un provvedimento che diventerà atto parlamentare non appena possibile, per «la revisione della circolare Gabrielli sulla sicurezza degli eventi, la cui rigidità sta causando problemi agli organizzatori: il Comune di Copparo, per dire, non ha potuto allestire il 25 aprile. I punti principali sono derubricare le misure di sicurezza antincendio, da incendi gravi a medi, e modificare i punteggi».


Maura Tomasi, deputata leghista di Ferrara e Basso Ferrarese, è stata indicata nella Commissione giustizia, «ho tutto nel cassetto e il lavoro svolto sarà subito trasformato in provvedimenti formali in favore del territorio. In generale, m’impegnerò sullo stalking e la legittima difesa». Sarà collega di Vittorio Ferraresi, in predicato di diventare capogruppo M5s in Commissione giustizia, dove porterà le misure annunciate in campagna elettorale per le realtà come la Gad: revisione della legge Orlando («svuotacarceri»), più forze dell’ordine, compresa la Polizia municipale, e riduzione del flusso di migranti. (s.c.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA