Unife, la Commissione etica va avanti sugli studi di Zauli

Ferrara, l’organismo emetterà un parere sulla possibilità di applicare il codice sul caso delle ricerche segnalate per “scorrettezza” da blogger e investigatori scientifici 

FERRARA. Il Comitato etico dell’Università di Ferrara esaminerà la documentazione depositata dal rettore Giorgio Zauli in relazione al caso del presunto reiterato utilizzo delle stesse immagini in più studi pubblicati dallo stesso Zauli, all’epoca dei fatti professore di Anatomia Umana di Unife e co-autore di ricerche assieme alla collega Paola Secchiero, docente di anatomia, direttore riconfermato del Dipartimento di Morfologia di Unife e prorettore con delega alla logistica.



La vicenda ha preso le mosse da un articolo pubblicato dal blogger scientifico tedesco Leonid Schneider sul sito “Forbetterscience” che ha dato eco ai dubbi sollevati da un gruppo di investigatori scientifici riuniti sotto lo pseudonimo di Clare Francis. Lo stesso Schneider si era rivolto all’università estense chiedendo che sui fatti facesse luce la Commissione etica dell’ateneo che si è riunita l’1 giugno scorso. All’ordine del giorno c’era la valutazione sull’ammissibilità dell’istanza presentata da Schneider e dei documenti depositati dal rettore. La Commissione ha respinto la prima, giudicata «inammissibile» perché all’organismo etico possono rivolgersi solo «i professori, i ricercatori, il personale tecnico amministrativo, gli studenti e ogni altro membro dell’ateneo», in pratica «tutti coloro che a vario titolo, trascorrono periodi di ricerca, di insegnamento e di studio presso l’Università» come prescrive – annota la Commissione – il Preambolo al Codice etico. L’annuncio di un’istruttoria è legata quindi all’esame della documentazione depositata da Zauli, «con esplicita richiesta – sottolinea la Commissione – di essere esaminata alla prima seduta utile». In quella sede la Commissione si esprimerà sull’«applicazione del Codice etico d’ateneo» al caso in questione. Da quanto emerge, però, non si tratta ancora di un intervento che giudica la sostanza della vicenda ma i “preliminari”.



Il 26 maggio scorso Zauli ha dichiarato alla “Nuova” che la segnalazione delle “scorrettezze” sui suoi lavori di ricerca manca «di ogni prova» e ha «carattere gravemente diffamatorio verso il sottoscritto e collaboratori, citando del tutto infondatamente esperimenti pubblicati 10 o 20 anni orsono, esperimenti che peraltro all’epoca hanno subito l’attento vaglio di revisori internazionali». Intanto sul blog OcaSapiens, della giornalista Sylvie Coyaud, si riporta la notizia che Twitter ha ricevuto la richiesta della cancellazione del tweet in cui il blogger solleva i dubbi sulla buona esecuzione delle ricerche svolte da Zauli e che il "social" sta valutando la richiesta. Fatto confermato dallo stesso Schneider al quale Twitter chiede di informare il "social" nel caso il tweet venga rimosso. OcaSapiens segnala infine la presenza in Commissione etica di Unife di un componente che ha collaborato con Zauli e Secchiero in una ricerca pubblicata nel 2011, Gian Matteo Rigolin.

Gioele Caccia