«Dialogo aperto con la Regione»

Sant’Agostino, il sindaco Lodi commenta la situazione nel Bosco della Panfilia

SANT’AGOSTINO. Continua a far discutere la situazione del Bosco Panfilia a Sant’Agostino. Il sindaco Roberto Lodi, riguardo alle proposte ed alle considerazioni negative avanzate dalle opposizioni, non ha tardato a rispondere.

«Smentisco categoricamente – ha dichiarato Lodi – quanto dichiarato dalle opposizioni. Abbiamo già incontrato più volte la Regione, assieme agli altri amministratori delle provincie di Ferrara e Bologna. La Regione sta redigendo il piano di gestione forestale del Bosco Panfilia. Nel frattempo abbiamo già chiesto agli assessori Gazzolo e Caselli un incontro». Risposta decisa quella del sindaco di Terre del Reno che, riguardo alle considerazioni dell’agronomo Riccardo Baroni, ha aggiunto: «Mi trovo – ha spiegato il primo cittadino - assolutamente d’accordo con le sue considerazioni tecniche. Però esiste un problema relativo alla possibilità degli enti locali di gestire il luogo: la scellerata decisione di trasformarla in una zona Sic (Sito interesse comunitario), a causa delle sue restrittive regole sulla manutenzione, ha reso impossibile intervenire nel corso degli ultimi anni. Sia dal punto di vista naturale, sia da quello artificiale su ponti, capannine illustrative e arredi. Se prendessimo in gestione l’area, dovremmo assumerci impegni economici molto gravosi. Per non parlare della responsabilità sulla sicurezza all’interno del bosco». Per concludere, Lodi ha lanciato una stoccata al consigliere Tassinari: «L’idea di prendere in gestione una piccola porzione di bosco è un palliativo al problema, come dare un’aspirina ad un malato grave. Anche la nostra presunta debolezza nel creare sinergie la rispendiamo al mittente, sottolineando la compattezza dei sindaci dell’Alto Ferrarese nel cercare di risolvere con la Regione la questione degli argini e del letto del fiume Reno, ed appunto alla redazione del piano di gestione del Bosco Panfilia».


Samuele Melloni