Faccia a faccia sulla raccolta rifiuti

Il sindaco Toselli ha ricevuto la delegazione di cittadini

CENTO. «Dagli ecosquare al nuovo centro di raccolta a Pilastrello, che abbiamo intenzione di aprire. La raccolta porta a porta nei negozi. In centro non ci saranno più rifiuti a terra. Tanti i progetti in cantiere per Cento. Porterò le proposte all’assemblea dei soci di Clara. Tra le richieste che porterò, la raccolta notturna. Saranno tutte da valutate dal punto di vista tecnico e di sostenibilità economica, nell’ottica di pianificare servizi in maniera omogenea per il territorio».

Sabato il sindaco Fabrizio Toselli ha ricevuto la delegazione di cittadini, guidata dal segretario comunale e consigliere della Lega Nord di Cento Elisabetta Giberti, riunita per protestare contro modalità di gestione dei rifiuti. Presenti circa 50 persone, la Lega di Cento con il consigliere regionale Pettazzoni, molti centesi e cittadini dei comuni vicini. «Vogliamo essere promotori di un cambiamento che parta proprio da Cento. In delegazione – ha riferito la Giberti - ci facciamo portavoce dei disagi che riguardano la raccolta differenziata e la gestione dei rifiuti del capoluogo come delle frazioni. Chiediamo di essere coinvolti come cittadini e le nostre richieste sono condivise da tanti utenti dei comuni del Ferrarese in cui opera Clara. Chiediamo che la raccolta differenziata sia rivista, che venga tutelato il decoro ambientale e urbano del capoluogo di Cento, come delle frazioni, dei giardini pubblici come delle nostre campagne, che vengano dati servizi che consentano un risparmio nella gestione, ad ottimizzare i costi, e al contempo un circolo virtuoso che possa portare ad un abbassamento delle tariffe senza che vengano tolti servizi. Siamo stanchi di non essere ascoltati». E con Toselli: «Chiediamo che il sindaco si faccia carico delle nostre richieste, portandole all’attenzione del Cda di Clara in occasione dell’assemblea dei soci del 29 giugno. Cento deve essere step di partenza per progetti pilota, per un modello efficace di raccolta. Siamo stanchi di sentirci sempre dire no».


Facendosi portavoce delle esigenze di molti cittadini di Cento, la Giberti ha rilanciato: «Un servizio zoppicante. La città è piena di sacchi, di rifiuti e di topi. Tanti i problemi da affrontare. L’ultimo, la raccolta della carta. Non accettiamo di perdere la possibilità di avere il bidone carrellato da 140 litri per la raccolta della carta. Chiediamo venga introdotto per tutte le famiglie. Dopo aver raccolto quasi 2mila firme, arriveranno ad ottobre tre isole ecologiche fisse, le ecosquare. Chiediamo che il Comune sottoscriva a breve convenzioni intercomunali in modo che i centesi possano conferire nei centri di raccolta vicini di Sant’Agostino o Bondeno». Per gli ulteriori aggiornamenti, il sindaco incontrerà la delegazione la prima settimana di luglio. (b.b.)