Donna si toglie la vita gettandosi dal grattacielo

La polizia arrivata al grattacielo di Ferrara

E' salita sino al 16° piano, poi si è buttata nel vuoto

Donna si toglie la vita gettandosi dal grattacielo

FERRARA. Con folle lucidità è arrivata dall'Alto Ferrarese, è arrivata fino al grattacielo di Ferrara, è salita fino al 16° piano, ha sistemato uno sgabello sotto la finestra del pianerottolo della torre B e infine si è gettata nel vuoto, precipitando per cinquanta metri. E' morta sul colpo, poco dopo le 13 di oggi, giovedì 28 giugno, una donna di 49 anni.

In via Felisatti, la strada che dalla stazione ferroviaria porta al grattacielo, si sono precipitate volanti e polizia scientifica, ma le indagini si sono concluse in breve tempo. E' stato subito chiaro che si trattava di suicidio e nient'altro. La vittima, subito identificata, soffriva da tempo di crisi depressive, ma nessuno aveva immaginato che potesse arrivare a farla finita, tanto meno mettendo in pratica un piano tanto lucido quanto folle.

Moglie, madre di tre figli, dipendente pubblico, la donna non aveva problemi di altro genere. Anzi, la famiglia è conosciuta e stimata nel paese d'origine, nel quale si sottolinea anche l'impegno sociale nella parrocchia. E così è stato subito profondo il cordoglio per questa morte così cruenta.