Sospetto caso di Zika, disinfestazione a Ripapersico

Un uomo ricoverato d'urgenza due giorni fa, intervento in un raggio di 200 metri dalla sua abitazione 

Caso di zika, disinfestazione a Ripapersico

PORTOMAGGIORE. E’ stato attivato la scorsa notte a Ripapersico un protocollo straordinario di disinfestazione dalla zanzara tigre. L’insetto è tra i vettori del virus zika. Un caso sospetto è stato segnalato dall’Azienda Ospedaliera di Ferrara due giorni fa, dopo un ricovero d’urgenza di un cittadino residente nella frazione del comune di Portomaggiore.

Così come previsto dal Piano di sorveglianza e controllo che si fa scattare in casi simili, è in corso l’intervento della ditta specializzata Clara in un’area di intervento pari a 200 metri di raggio dall’abitazione. Gli operatori da giovedì mattina eseguono trattamenti porta a porta di carattere adulticida, larvicida che prevede anche la rimozione dei focolai. Le strade interessate sono quelle di via Fortezza, del Gombio, Ca' del gallo, Centrale e Molinellina. Durante la notte si è intervenuti su aree pubbliche con impianto meccanico. La malattia da virus Zika è attualmente considerata una malattia infettiva emergente. Non esiste profilassi, trattamento o vaccino per proteggersi dall’infezione.

La patologia, causata da un virus appartenente al genere Flavivirus, famiglia Flaviviridae, è una arbovirosi, che nella maggior parte dei casi (80%) decorre in maniera, del tutto asintomatica, nel resto dei casi (20%) provoca una malattia febbrile lieve con esantema maculo-papuloso. Il periodo di incubazione non è ancora stato chiarito ma probabilmente varia tra 3 e 14 giorni dopo la puntura di una zanzara infetta.