La scultura rimossa dalla piazza Andrà nella rotatoria

Ottantamila euro per spostare e reinstallare l’opera di Amelio Lodi: incontro con i cittadini per presentare i lavori

s. agostino

Lo spostamento della scultura simbolo di Sant’Agostino è atteso da tempo. Nei mesi scorsi infatti era stato deliberato che il monumento sarebbe stato trasferito in altra sede perché incompatibile con la “nuova” piazza.


Per le operazioni di smantellamento e trasferimento il Comune di Terre del Reno ha stanziato 80mila euro. Ora che la nuova location è stata individuata e il progetto operativo ai blocchi di partenza, il sindaco Roberto Lodi si prepara a incontrare i cittadini per spiegare quando e come il monumento verrà rimosso.



Che la scultura di Salvatore Amelio dovesse essere spostata una volta iniziati i lavori di rifacimento della piazza era cosa risaputa. I fondi stanziati per il progetto partecipato non prevedevano anche il trasferimento della statua, per questo gli 80mila euro sono stati erogati dal Comune già a inizio anno.

«In un primo momento – spiega il sindaco di Terre del Reno, Roberto Lodi - si era pensato di riposizionarla nel giardino del nuovo municipio ma ben presto ci siamo resi conto che è troppo grande. Abbiamo dunque optato per la rotatoria all’ingresso di Sant’Agostino (dalla curva Toselli, ndr). La rimozione verrà seguita dallo stesso Amelio, coinvolto fin dall’inizio nel progetto. La scultura sarà poi spostata in un luogo sicuro dove verrà pulita e ristrutturata; allo stesso tempo demoliremo il basamento presente in piazza e ne verrà realizzato uno nuovo nella rotatoria dove poi verrà posizionata la statua di Sant’Agostino».



I lavori di rifacimento della piazza che, salvo intoppi, dovrebbero partire il 10 settembre (accantieramento il 7) verranno illustrati la settimana prossima (data e ora sono in via di definizione) nel corso di un incontro pubblico ad hoc con i cittadini. «Siamo riusciti a porre alcune modifiche al progetto senza stravolgerlo. Siamo - continua il sindaco Lodi - andati in contro alle esigenze dei commercianti, abbiamo aggiunto parcheggi rispetto al progetto iniziale e ora siamo pronti a cominciare i lavori». Il cantiere partirà dal fondo, cioè proprio dai parcheggi e proseguirà a step verso la strada in modo da limitare i disagi alla viabilità. —