Cade dalle scale mobili a Darsena City, anziana sbatte la testa

La donna è stata prontamente soccorsa dai presenti. I sanitari del 118 l’hanno trasportata all’ospedale

FERRARA. Ci sono stati attimi di paura ieri pomeriggio quando nel centro commerciale di Darsena City una donna di ottant’anni è scivolata dalla scale mobile cadendo a terra e riportando contusioni e ferite alla testa.

I primi soccorsi


La rovinosa caduta ha avuto conseguenze piuttosto gravi per la donna che è finita a terra dolorante ed è stata soccorsa in un primo momento dai presenti. Qualcuno poi ha chiamato l’ambulanza che è arrivata dopo pochi minuti a prestare le cure mediche del caso.

La signora per fortuna era cosciente, anche se manifestava dolore per la contusione alla testa riportata nella caduta a terra dopo lascivolata dalle scale mobili. Dopo i primi accertamenti, la signora è stata caricata in ambulanza e trasportata al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Anna.

I pericoli

Le scale mobili nascondono insidie e pericoli e basta anche un attimo di distrazione o un piede messo male per rimediare a delle brutte cadute. Scivoloni che possono essere particolarmente pericolosi proprio in presenza di scale mobili con pendenza ripida, proprio come quelle di Darsena City per cui è sempre bene prestare massima attenzione soprattutto quando si scende. Dell’episodio è stata informata subito la sicurezza che ha fatto una verifica sul posto non riscontrando anomalie nel funzionamento dell’impianto mobile di salita e discesa.

La sicurezza

Pur ammettendo che certamente il corrimano di una scala mobile non è il posto più pulito in cui mettere le mani, occorre ricordare che la più importante ed elementare regola di sicurezza quando si utilizza questo mezzo di trasporto è proprio quella di tenersi molto bene al corrimano. Insomma, meglio sporcarsi e poi lavarsi le mani, piuttosto che cadere e farsi del male. Inoltre anche la posizione dei piedi è fondamentale. Essere ben piantati sui gradini, evitando di restare in bilico.—

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI