Quattordicenne ubriaca lasciata in strada dagli amici

La ragazzina notata da alcuni passanti in via Gobetti e soccorsa dal 118 Una decina di interventi dei carabinieri a causa di schiamazzi alcolici molesti

Ubriachi a terra e abbandonati dagli amici. Sono in triste aumento i casi di persone ubriache che nella notte di capodanno hanno dovuto ricorrere alle cure del personale sanitario al pronto soccorso di Cona.

Una decina le chiamate al 118, anche se in alcuni casi non è stato necessario il trasporto in ospedale. Un allarme però che non deve essere sottovalutato, soprattutto per l’età dei coinvolti.


Abbandonata in strada

Il caso più emblematico si è verificato attorno all’1.30 in pieno centro, in via Gobetti. Alcuni passanti hanno trovato una ragazzina a terra, da sola, e hanno lanciato l’allarme all’emergenza sanitaria. Nel giro di pochi minuti è giunta sul posto un’ambulanza e un’automedica.

La giovane età della ragazzina, 14 anni, fa pensare che gli amici, quando si sono resi conto delle sue condizioni, abbiano pensato di defilarsi lasciandola a terra per la strada, esponendola così a grossi rischi per la sua salute e la sua incolumità. Sul posto sono intervenute anche le forze dell’ordine, mentre la 14enne è stata trasportata a Cona, dove è stata raggiunta dai famigliari.

Un episodio che deve far riflettere sulla pericolosità dell’alcool, dettagliatamente descritta anche sul sito del Ministero della Salute dove vengono riportati i gravissimi rischi al quale si incorre in caso di abuso: cirrosi epatica, pancreatite, tumori maligni epilessia, disfunzioni sessuali, demenza, ansia, depressione, malattie cardiovascolari.

A questo si aggiungono le cosiddette patologie alcol correlate, tra le quali infortuni sul lavoro e episodi di violenza (per altro questi ultimi sfociati anche in pronto soccorso) oltre al grossissimo rischio di chi si mette alla guida. Tutto questo deve far riflettere, considerato che l’età media di chi abusa di sostanze alcoliche tende sempre ad abbassarsi coinvolgendo anche ragazzini sotto i quattordici anni.

Schiamazzi alcolici

Così come erano tutti piuttosto giovani, anche se maggiorenni, i ragazzi ubriachi che, in varie parti della città, sono stati segnalati alla centrale operativa 112 per il loro comportamento molesto. Un fenomeno che quest’anno è stato particolarmente avvertito, considerato che i carabinieri sono dovuti intervenire in circa una decina di circostanze.

Ogni volta gli uomini dell’Arma hanno trovato persone che, in evidente stato di alterazione alcolica, urlavano e cantavano per la strada a squarciagola, ad ora molto tarda, impedendo ai residenti di dormire. In nessun caso comunque l’intervento dei carabinieri è sfociato in una denuncia. I militari hanno proceduto all’identificazione e invitato gli ubriachi molesti a rispettare il sonno altrui, riportando senza problemi la situazione alla calma. –

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI