La tregua dei ricoveri a Cona è già saltata: reparti al tutto esaurito

Il rallentamento dei ricoveri e dell’afflusso al pronto soccorso dell’ospedale di Cona, registrato la scorsa settimana, è stato un fuoco di paglia. Dopo il week end l’arrivo di pazienti da tutta la provincia all’ospedale Sant’Anna ha ripreso a salire.

La conferma arriva dall’ultimo bollettino dell’azienda ospedaliera. «La forte pressione di ricovero che dall’inizio dell’anno si sta evidenziando all’ospedale di Cona, oggi (Ieri, ndr) si è ulteriormente complicata».


Alle 15 l’accesso in reparto di pazienti ricoverati aveva esaurito già tutti i posti letto delle Medicine. Ma la situazione non era più rosea nei reparti chirurgici, dove «la direzione medica ha già iniziato a ricoverare, occupando non solo i posti destinati alla gestione dell’iperafflusso in Chirurgia d’Urgenza ma anche negli altri reparti chirurgici».

Un quadro che sta mettendo a dura prova la struttura ma che, sottolinea sempre il Sant’Anna, «allo stato attuale, non comporta nessuna variazione della programmazione chirurgica». In pratica, non vengono rinviati gli interventi programmati, come invece avvenne due anni fa.

L’influenza

Nonostante la concomitanza con l’epidemia influenzale, che ha iniziato ad assumere un andamento accelerato a cavallo tra la fine del 2018 e l’inizio del 2019, l’attuale saturazione dell’ospedale Sant’Anna, precisa l’azienda sanitaria, «non è da attribuirsi al picco influenzale, previsto per le prossime settimane, ma ad un incremento di accessi e ricoveri (costante nel tempo), unito al fisiologico aumento di questa stagione».

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI



La guida allo shopping del Gruppo Gedi