Ex carabiniere muore a 48 anni. Papà straordinario di una bimba

Al termine di una grave malattia ieri è morto Michele Lombardi. Aveva lavorato a lungo in paese, minuto di silenzio in consiglio

MASI TORELLO. Profondo cordoglio a Masi Torello per la prematura scomparsa, avvenuta ieri mattina, dell’ex carabiniere Michele Lombardi, di appena 48 anni. Era da qualche tempo affetto da una grave malattia, a cui alla fine si è dovuto inchinare.. Lombardi, residente da anni a Masi Torello, aveva prestato servizio nella locale stazione dei carabinieri, con la qualifica di appuntato scelto. A partire dallo scorso settembre, aveva iniziato un nuovo lavoro a Ravenna, all’interno di un’azienda che si occupa di sicurezza. A livello scolastico aveva frequentato l’istituto professionale Ipsia di Ferrara. Era separato e lascia una figlia di dieci anni, cui sono dedicati numerosi post sul suo profilo Facebook: tante anche le foto che li ritraggono abbracciati, nei momenti di felicità vissuti assieme. «Vivo per la mia bimba, ma anche per chi merita», scriveva Lombardi nella sua presentazione sul social network.

 I fnerali si terranno giovedì alle 15 nella chiesa di Portomaggiore, la salma partirà dal Sant'Anna di Cona alle 14.30. Lombardi lascia la moglie Simonetta, la figlia Giada, Nicholas, il fratello Davide.


«Michele era davvero una bravissima persona – ricorda il vicesindaco di Masi Torello, Serena Poltronieri, che conosceva personalmente l’ex carabiniere –. Era sempre disponibile e al servizio delle persone che hanno bisogno di aiuto. Per il nostro paese è una perdita grave». Tanto che ieri pomeriggio il consiglio comunale masese, in apertura di seduta, su proposta della Poltronieri e rispettato con convinzione e dolore da tutti, gli ha dedicato un minuto di silenzio. I funerali saranno fissati a breve. —

F.T.