Più controlli sugli alberi in città, nuovo piano per evitare i crolli

Ferrara Tua: «Pronti interventi per monitorare il patrimonio verde ferrarese». Tra le priorità non solo i campi giochi ma tutte le alberature su strade e incroci 

FERRARA. Il pioppo bianco non ha retto il vento a 70/80 km orari: ed è caduto sul campo giochi che in quel momento, nel tardo pomeriggio di martedì, era vuoto. È caduto, spiegano i tecnici il giorno dopo, per una «carie nel colletto, che mangia la legnina delle piante», problema difficile da rilevare esternamente.

CONTROLLI AL PIOPPETO

Adesso, dopo il crollo, scattano i controlli sul pioppeto del Parco urbano, attorno al campo giochi interessato dalla caduta. «Pioppi che avranno 30/40 anni, un gruppo di alberi che finora non aveva mai dato problemi, come lo stesso pioppo caduto», spiega Marco Lorenzetti dell’Ufficio verde pubblico del Comune. Il problema però c’è, «poiché questi incidenti non dovrebbero accadere - aggiunge Lorenzetti - e per evitarli seguiamo un programma di valutazione della stabilità delle piante». Controlli esterni e visivi, ed interni con strumentazione. L’obiettivo è prevenire e monitorare al massimo tutti gli alberi comunali. «Nei limiti possibili, viste le migliaia di alberi da controllare», spiega Stefano Lucci, direttore di Ferrara Tua, che ha in gestione la manutenzione del verde pubblico del Comune di Ferrara.

Cade l'albero sulla strada in via Bacchelli

Per far questo, Ferrara Tua ha pronto un piano straordinario di controlli. Lo annuncia Lucci stesso: «Qualcosa si sta facendo e si sta cambiando rispetto al passato. Il nuovo piano è ancora in una fase iniziale, ma metteremo in campo una serie di interventi nuovi da qui ai prossimi due anni con investimenti consistenti per effettuare un monitoraggio il più possibile puntuale di tutto il patrimonio arboreo del Comune stimato a quasi 50mila piante». Alberi distributi tra città e forese, «sui quali dovremmo arrivare ad avere la fotografia più completa possibile del loro stato, uno dopo l’altro, con conseguenti azioni: valutando quelli da abbattere».

GRANDE INVESTIMENTO

Il piano è stato pensato, spiega Lucci, proprio da Ferrara Tua, con un investimento di diverse centinaia di migliaia di euro. Che Ferrara Tua di fronte alla scarsità di risorse del Comune anticiperà prorogando il contratto di servizio.

Un albero abbatte il cavo elettrico in via Messidoro

«Ci siano accordati con l’amministrazione per metter mano alla durata del contratto» precisa Lucci e spera «che sia un piano virtuoso, non fine a se stesso ma che comincia oggi e continua negli anni». E fa un esempio elementare: «Se poto oggi un albero o lo curo, non è che non lo vedo più per 4 anni: questo l’obiettivo, creare un circolo virtuoso». Ma al presente, restano priorità e la caduta del pioppo di Parco Urbano ne è la prova. «Certo - chiude Lucci - occorrono controlli rigorosi in campi giochi, aree usate dai cittadini, piuttosto che in campagna». Ma come analizza il tecnico, Lorenzetti, «Priorità? Certo su campi giochi, ma maggiori controlli in realtà si fanno su alberature stradali e agli incroci: in un parco giochi in presenza di temporali o eventi meteo è meno probabile la presenza di qualcuno. Le auto invece circolano sempre». —

Daniele Predieri

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI