Raccolta porta a porta: si comincia a luglio

A maggio inizieranno gli incontri formativi con gli abitanti di Sant'Agostino, San Carlo e Dosso. Il sindaco: troppa indifferenziata, serve un cambio di rotta

FERRARA. Dal primo luglio anche a Dosso, San Carlo e Sant’Agostino inizierà la raccolta dei rifiuti porta a porta. Il servizio a Mirabello è già attivo dal 2012, era giunto il tempo di ampliarlo anche alle altre frazioni del Comune di Terre del Reno. Per il primo mese contenitori e cassonetti conviveranno ma da agosto i bidoni indifferenziati verranno rimossi.

Obiettivo del provvedimento non è solo allineare il Comune agli altri del Ferrarese in cui Clara spa gestisce la raccolta e in cui si già effettua il porta a porta, ma è anche, e soprattutto, contrastare l’abbandono di rifiuti e la produzione “fuori controllo” di indifferenziata.


LA CAMPAGNA
Agli abitanti di Terre del Reno sarà inviata una lettera in cui verrà illustrato il passaggio ma verranno anche effettuati degli incontri pubblici (6, 8 e 9 maggio) in cui gli addetti di Clara insieme all’amministrazione, spiegheranno la nuova raccolta. «È un cambio di rotta, un adeguamento necessario - ha spiegato il sindaco Roberto Lodi - I dati che riguardano il nostro Comune sono impietosi: la produzione pro capite di rifiuti indifferenziati è alta e va necessariamente ridotta. Ci prendiamo questo impegno come amministrazione ma anche come singoli cittadini, invitando tutti ad un maggior senso civico e rispetto per l’ambiente». A proposito di questo verranno effettuati appositi incontri anche con i giovanissimi nelle scuole. «Nel 2020 il porta a porta nei Comuni in cui operiamo compirà dieci anni. Il primo fu Jolanda di Savoia e ora - Raffaele Alessandri, direttore Clara spa - ripartiamo da Terre del Reno. Ci sarà un percorso di avvicinamento tra raccolta e utente. Ci sarà una riorganizzazione e siamo sicuri che gioverà».

LA RACCOLTA
Non ci saranno costi aggiuntivi, la tariffa rifiuti rimarrà invariata e i materiali necessari, come sacchi e contenitori, consegnati gratuitamente. «Gli addetti Clara - ha sottolineato Alessandri - non chiederanno denaro per la consegna dei supporti quindi attenzione alle truffe che, in questi casi, possono verificarsi». Gli orari dei centri di raccolta di Mirabello e Sant’Agostino verranno ampliati e il sabato mattina saranno aperti contemporaneamente. «La nuova normativa regionale richiede di raggiungere entro il 2020 di far scendere la produzione di indifferenziata sotto la soglia dei 150 chili pro capite. Sono sicuro - conclude il direttore - che Terre del Reno scenderà sotto i 100 chili». —


 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi