Il piccolo Alex ha vinto: la guarigione è completa

Il bimbo affetto da una malattia rara era stato sottoposto a trapianto. Anche a Ferrara una commovente gara di solidarietà per trovare un donatore

Tutti in fila per aiutare il piccolo Alessandro

FERRARA. Alessandro Maria Montresor, che tutti hanno conosciuto in questi mesi come il piccolo Alex, il bimbo di quasi due anni affetto da una rara malattia del sangue, è completamente guarito e può tornare nella casa di Londra dove vive coi genitori italiani.

L’annuncio
La notizia ufficiale che tutti aspettavano è arrivata ieri. Il bambino è completamente guarito. Alex aveva una malattia chiamata linfoistiocitosi emofagocitica ed era stato trasferito a fine novembre 2018 all’ospedale specializzato Bambino Gesù di Roma dall’ospedale Great Ormond Street di Londra dove come prima ipotesi era stato indicato il trapianto di midollo da donatore compatibile.

Nello scorso autunno, proprio sull’onda emotiva che ha suscitato il caso drammatico del piccolo si era registrata una straordinaria mobilitazione di migliaia di italiani scesi in piazza per il prelievo di saliva (necessario per la tipizzazione), in coda davanti ai banchetti, non ha dato risposte positive.

Studenti in fila per iscriversi all'Admo

La mobilitazione
Anche a Ferrara c’è stato un contributo straordinario grazie all’iniziativa promossa dalla Nuova Ferrara e dalla locale sezione dell’Admo: nel pomeriggio e fino a sera del 31 ottobre, cinquecento giovani hanno aspettato pazientemente il loro turno per donare il midollo. In tutte le banche del mondo non è uscito fuori un donatore adatto ad Alex. Così ha dargli le cellule vivifiche, compatibili a metà, è stato il papà Paolo ritenuto più idoneo rispetto alla mamma. Il piccolo Alex ora e guarito, ma le donazioni non sono state vane perché si è arricchita la banca dati dei donatori ed è stato messo in luce il valore della donazione. —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI