Ordine degli avvocati, i candidati al consiglio

Si vota l’8 e il 9 maggio con nuove regole: niente più liste. Dopo undici anni di presidenza finisce l’era Giubelli 

Venticinque candidati per undici posti, e nessuna lista. Mercoledì 8 e giovedì 9 maggio si tengono le elezioni per il rinnovo del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Ferrara, una chiamata alle urne che si svolgerà secondo le nuove regole previste dalla legge entrata in vigore il 1° gennaio 2015 e che prevede un tetto massimo di due mandati consecutivi per i componenti e per il presidente.

La nuova legge. Queste disposizioni sono attualmente al vaglio della Corte Costituzionale, a cui il Consiglio Nazionale Forense si è rivolto il 12 febbraio scorso contestando l’attuale interpretazione “retroattiva” della norma, ovvero contando anche i due mandati precedenti l’entrata in vigore. Uno scontro di vedute che in ogni caso non è destinato a incidere sulle elezioni ferraresi perché nessuno dei candidati compare anche tra i consiglieri attualmente in carica, e qualunque sarà il pronunciamento della Corte Costituzionale, non ci saranno perciò conseguenze per il futuro assetto del consiglio ferrarese.



Il presidente.  Queste elezioni segneranno inoltre la fine della lunga “era Giubelli”, il presidente in carica che è rimasto alla guida dell’Ordine estense per undici anni, dal 2008 fino a oggi. Piero Giubelli (nella foto) aveva già rimesso un paio di mesi fa il suo mandato al consiglio dell’Ordine in occasione della sua candidatura civica per le elezioni amministrative (poi ritirata), ma il consiglio aveva deciso di respingere le dimissioni per attendere il naturale avvicendamento attraverso le urne.

Nessuna lista. L’altra novità riguarda anche il sistema stesso di elezione dei componenti del consiglio. Liberi tutti, spariscono le liste e al loro posto c’è invece una lista di 25 candidati, ciascuno in corsa per conto proprio. Sulla base del numero di preferenze raccolte saranno eletto gli undici componenti del futuro consiglio che resterà in carica non più quattro anni ma tre , fino al 2022.

Quote rosa. Il sistema di elezione del consiglio, inoltre, prevede uno spazio per le quote rose. Su venticinque candidati, nove sono donne. Gli elettori (poco più di 800 aventi diritto) possono indicare fino a un massimo di sette preferenze. Fino a quattro nominativi scelti, l’elettore non ha vincoli di genere, dopo questa soglia invece scatta la quota rosa su un terzo delle preferenze.

Dove e quando. Si voterà nella sede del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di via Borgo dei Leoni 62. Il seggio sarà aperto mercoledì 8 maggio dalle ore 11 alle 13, e giovedì 9 maggio dalle 9 alle 13. Lo spoglio delle schede comincerà subito dopo. Sarà il neoeletto consiglio a nominare successivamente il presidente e il segretario.—

Alessandra Mura

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI