Morto in bici per un malore. Anche il Milan lo piange

MESOLA. Anche il Milan si unisce al cordoglio per la scomparsa di Roberto Avanzi, il pensionato di Mesola deceduto dopo esser caduto dalla bicicletta mentre raggiungeva il bar in cui avrebbe dovuto assistere all’attesa sfida della squadra del cuore contro la Fiorentina. . La società guidata da alcuni mesi dal nuovo presidente, Paolo Scaroni, dopo aver appreso dalla Nuova Ferrara che un accanito tifoso, pur di non perdere la partita in tv, era uscito di casa con la febbre a 38 gradi, ha preso l’iniziativa di testimoniare con una targa e con una lettera di cordoglio la propria vicinanza alla famiglia. Nei prossimi giorni arriverà a Bice, moglie di Roberto Avanzi, e alla figlia Paola la targa con dedica della squadra capitanata da Alessio Romagnoli.

Intanto ieri mattina una folla numerosa ha partecipato alle esequie funebri del tifoso milanista, caduto dalla bicicletta sabato scorso a pochi metri dal bar, dove lo attendevano gli amici. Vani sono stati tutti i tentativi messi in atto dai soccorritori per rianimare l’uomo, colto con ogni probabilità da un malore, prima di rovinare sull’asfalto. Al termine dell’affollata cerimonia funebre, la salma di Avanzi è stata trasportata al giardino della cremazione di Copparo. –


Katia Romagnoli