Oltre 190mila ferraresi al voto nei tredici comuni

I dati sugli elettori alle urne per il rinnovo del sindaco, ci sono anche 324 stranieri Al seggio in 108mila solo a Ferrara. Intanto ci sono le prime code per le tessere

Se tutti i ferraresi aventi diritto ovviamente andranno alle urne domenica per le elezioni Europee, non tutti avranno però la scheda per il rinnovo del consiglio comunale.

Tredici comuni


Sono infatti 190.446 gli elettori in provincia che sono chiamati ad eleggere il sindaco a rinnovare il consiglio comunale nei 13 comuni ferraresi interessati alla tornata elettorale. Ovviamente il numero più consistente arriva dal capoluogo con Ferrara che porta al voto 108.509 elettori con una significativa maggioranza di donne (57.460 contro 51.049). I dati si riferiscono all’ultima rilevazione effettuata, quella che viene fatto a 15 giorni dal voto. Tra questi bisogna segnalare anche alcuni cittadini comunitari che voteranno per le comunali e la schiacciante maggioranza arriva dagli elettori di nazionalità romena con 70, seguita dalla Polonia 23 e dalla Germania con 14. negli altri comuni i dati parlano di 17.511 elettori ad Argenta con anche in questo caso i romeni in testa tra gli elettori stranieri comunitari. A Copparo andranno al voto 13.973 cittadini. A Fiscaglia gli elettori sono 7.606. A Jolanda di Savoia il dato scende a 2.351 e solo 2 stranieri iscritti al voto per le comunali. A Lagosanto la popolazione che andrà al voto è di 4.162 persone. Il comune più piccolo chiamato al rinnovo degli organi comunali è Masi Torello con 1.919 elettori e solo 2 stranieri. A Mesola al voto sono attese 5.819 persone. Il dato di Ostellato si attesta a 5.155, mentre a Poggio Renatico gli elettori saranno 7.671.

Al voto per eleggere il primo sindaco e il primo consiglio comunale di Riva del Po, nato dalla fusione dei comuni di Ro ferrarese e Berra andranno 6.653 elettori. Sarà una primizia anche per Tresignana, comune che si è costituito dalla fusione tra Tresigallo e Formignana, che porta al voto 5.984 elettori. Infine Voghiera che presenta una lista di elettori di 3.133.

Duplicati delle tessere

In questi ultimi giorni si stanno registrando, soprattutto nell’ufficio elettorale del Comune di Ferrara, le prime code per ritirare il duplicato della tessera elettorale. In alcuni casi si tratta di elettori che l’hanno smarrita o dimenticata in qualche angusto angolo della casa, ma ci sono anche elettori che possono essere arrivati al completamento dei diciotto timbri sulla tessera elettorale e quindi va per forza sostituita, pena non trovarsi davanti al seggio e non poter votare. Proprio per questo motivo l’ufficio elettorale ha prolungato gli orari e sarà aperto anche il giorno del voto dalle 7 alle 23.

Dall’inizio dell’anno l’ufficio elettorale del Comune di Ferrara ha rilasciato 4.900 tessere elettorali. Dall’inizio d’aprile sono state 3.110 e solo nella mattinata di ieri sono oltre 250. Il consiglio quindi è controllare la tessera elettorale e anche se non è già esaurita con 18 timbri, nel caso di doverla duplicare si raccomanda di non aspettare gli ultimissimi giorni e le ore di punta per evitare lunghe code.

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI