L’ospedale cresce Nuove attrezzature per una radiologia all’avanguardia

A breve la sostituzione della Tac, poi la risonanza magnetica Vagnini (Asl): la cardiologia avrà grandi possibilità d’intervento 

CENTO. Con la nuova Tac e la nuova risonanza magnetica, l’ospedale Santissima Annunziata diverrà punto strategico per la cardiologia di tutta la sanità ferrarese e non solo. Interventi importanti, che comporteranno tuttavia inevitabili disagi per utenti e operatori. Poi il dato che fa ben sperare per il punto nascite della struttura ospedaliera centese: nel 2019, i parti sono in aumento.

«È da tempo che mi sono posto come obiettivo l’ammodernamento dell’apparato della radiologia dell’ospedale di Cento – spiega il direttore generale dell’Azienda Usl, Claudio Vagnini –. A oggi, sono presenti macchine datate che, oltre a essere fuori produzione, non sono più idonee a garantire elevate qualità di prestazione. Partendo da questo, era necessario intervenire radicalmente».


GARA REGIONALE

L’opportunità è arrivata dalla possibilità, offerta da una gara regionale, «di un acquisto dilazionato, con vantaggi anche per chi acquista. Più Asl della regione hanno fruito di questa occasione».

Una decisione «impegnativa dal punto di vista economico» per l’Ausl ferrarese, una scelta «mirata, presa con l’ingegner Tirini (responsabile dell’ingegneria clinica dell’azienda sanitaria): ordinare due strumenti significativamente qualificanti, una Tac 64 strati e una risonanza magnetica di ultima generazione, che potrà essere utilizzata per la risonanza cardiaca».

Questo rientra tra gli obiettivi iniziali, rimarca Vagnini, visto che «Cento vanta un reparto di cardiologia di primissima qualità, con importanti professionalità che avranno così a disposizione strumenti idonei».

Un’operazione che rientra secondo il direttore generale dell’Asl in «un percorso di valorizzazione dell’ospedale di Cento, che diverrà così punto di riferimento per tutta la sanità ferrarese, ma per tutte le province limitrofe».

LA SOSTITUZIONE

Tuttavia, per essere concretizzata, l’operazione creerà inevitabili disagi per operatori e utenti.

La sostituzione della Tac non avrà particolari ripercussioni: nell’arco di un paio di settimane, tra fine giugno e i primi di luglio, la macchina verrà smontata e rimontata con le nuove tecnologie pronta per essere di nuovo operativa. La sostituzione della risonanza richiederà invece un intervento più complesso e tempi più lunghi. Saranno necessarie opere consistenti, e piuttosto onerose, tra abbattimento di muri, posizionamento di una gru, realizzazione di una piattaforma nel giardino interno.

I LAVORI

«I lavori – riferisce Vagnini – partiranno tra giugno e luglio. Per realizzarli ci vorrà tempo. L’ospedale di Cento è struttura datata: qualsiasi operazione richiede interventi edili impegnativi. Si prevede qualche settimana di interruzione di attività della risonanza. E come stiamo facendo ora con la Tac nuova di Argenta, che sarà a regime tra 10 giorni, dirotteremo i pazienti verso Cona».

Innegabili, come ribadisce Vagnini, disagi e difficoltà, ma «dovranno passare in secondo piano. L’obiettivo è fornire un servizio ben più qualificante e performante, andando a introdurre una Tac e una risonanza con capacità operative ben superiori rispetto agli attuali strumenti, per l’ospedale di Cento e per tutta la sanità ferrarese».

Per ottimizzare l’intervento, sulla nuova risonanza non lavoreranno solo gli attuali medici, ma l’operatività verrà raddoppiata: «È intenzione della cardiologia operare con la nuova risonanza, tanto che Cento diverrà punto di eccellenza e di riferimento per i pazienti cardiologici del territorio. A Cento verranno dirottate quindi tutte le risonanze cardiache del Ferrarese e non solo».

PIÙ NASCITE

Intanto, sottolinea il manager, prosegue l’impegno dell’Azienda Usl per garantire un futuro al punto nascite di Cento: «Tante le iniziative che metteremo in campo, ma al contempo un dato positivo c’è: rispetto al 2018 il trend delle nascite nel reparto di ginecologia e ostetricia dell’ospedale di Cento, in questi primi mesi del 2019, è in aumento». —

Beatrice Barberini

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI