«Apprendisti? Sì ma non coi ragazzi trattati da garzoni»