Aumenta la sorveglianza nei parcheggi, lotta all’abusivismo e più assistenza

Il nuovo bando di Ferrara Tua per un anno a 124mila euro più Iva assegnato alla Top Secret e alla Securiteam

FERRARA. Più sorveglianza nelle aree di sosta del centro cittadino gestite da Ferrara Tua, aumenta anche la vigilanza passiva e l’assistenza ai clienti. Questo dall’inizio del mese, da quando è entrato in vigore un nuovo contratto con le imprese di vigilanza vincitrici dell’appalto che dovranno assicurare in maniera più ampia di quanto fatto in precedenza, maggiore tranquillità nei parcheggi e meno abusivismo, praticato da coloro che stazionano senza averne titolo davanti ai parcometri o alle casse automatiche chiedendo soldi.

Il bando. Sette mesi fa il direttore della Holding Ferrara Servizi, Paolo Paramucchi, aveva dato incarico al direttore Stefano Lucci di affidare un servizio di sorveglianza, vigilanza e assistenza alla clientela dei parcheggi gestiti dalla società mediante un bando con scadenza il 18 aprile a base di gara stimato in 158.900 euro. Ultimate tutte le procedure, l’appalto nei giorni scorsi è stato assegnato ad una Ati che vede come capofila la Top Secret Investigazioni insieme alla Securiteam e alla Top Secret Vigilanza. L’aggiudicazione è avvenuta con un prezzo al ribasso per cui Ferrara Tua dovrà conferire un totale di 124.288 euro annui più Iva. Una cifra ridotta rispetto a quella di partenza, ma superiore a quella investa in passato per analoghe funzioni di sorveglianza alle aree di sosta


Le condizioni. La durata del nuovo appalto è di dodici mesi a partire dal 1 luglio 2019. Per la particolarità e la delicatezza dell’attività da esercitare in questo ambito, è vietato il subappalto, pena l’immediata risoluzione del contratto sottoscritto tra le parti.

I compiti. Il nuovo servizio voluto da Ferrara Tua per rendere più sicuri le aree di sosta della città riguarda i servizi relativi alla sorveglianza, all’assistenza e al supporto alla clientela dei parcheggi, custodia di beni ed attrezzature aziendali installate nell’area di sosta, vigilanza passiva e attività investigative finalizzate ad identificare gli autori di danneggiamenti o altri comportamenti illeciti. Questo nuovo servizio sarà più presente del precedente, che spesso e volentieri rappresentava la classica coperta corta, nel senso che viste le numerose aree di sosta, non tutte venivano vigilate con continuità. Oltre a contrastare il fenomeno dell’abusivismo, il nuovo servizio ha uno specifico ruolo di aiutare anche l’utenza nel caso del bisogno, come i nuovi pagamenti più digitalizzati che a volta mettono in difficoltà il cittadino che ha meno dimestichezza con app e nuove tecnologie. —