Presidi, si cambia All’Ariosto arriva la Fedozzi, Urbinati al posto della Monti

Pubblicato il decreto della Direzione didattica regionale sulle assegnazioni. Mara Salvi guiderà l’istituto comprensivo Dante Alighieri

La fine dell’ “era Salvi”, dopo tredici anni di dirigenza al liceo Ariosto, era già stata preannunciata a giugno, quando la preside era stata inserita nell’elenco dei tredici dirigenti in Regione invitati a presentare domanda di mobilità, in base alla legge sulla rotazione degli incarichi dirigenziali dello Stato. Ora, con la pubblicazione del decreto della Direzione didattica regionale su assegnazioni e conferme, è stato reso noto il nome del suo successore. È Isabella Fedozzi, già dirigente dell’Iis Einaudi di Ferrara e reggente dell’istituto comprensivo di Copparo, Berra e Ro.

Il “dopo Monti”


Quello all’Ariosto, peraltro, non è l’unico cambio dirigenziale indicato dal decreto ministeriale per le scuole ferraresi. Non meno significativo l’avvicendamento all’istituto Vergani-Navarra, dopo il pensionamento di Roberta Monti. A prenderne il posto sarà Massimiliano Urbinati, già dirigente dell’istituto comprensivo Dante Alighieri di Ferrara (che sarà guidato dalla stessa Salvi) nonché di un altro alberghiero, il Remo Brindisi di Lido Estensi. Continuerà a mantenere anche quest’ultimo incarico? Dipenderà dalle dinamiche di nomina dei neodirigenti (le assegnazioni sono ancora al primo giro di valzer). In ogni caso un’esperienza che, spiega Urbinati, sarà volano prezioso nella nuova, impegnativa strada che lo aspetta: «Conosco Roberta Monti e i suoi meriti, e non mi preoccupa la sua “eredità”, anzi, tutto quello che funziona continuerà ad andare avanti. La sfida sarà la valorizzazione delle risorse umane e del territorio, non solo dal punto di vista culturale ma anche delle potenzialità imprenditoriali». La sinergia tra due ambiti, quello alberghiero e quello dell’agricoltura, sarà indirizzata allo sviluppo del settore primario, fondamentale nel Ferrarese: «Siamo la seconda provincia italiana per superficie coltivata, e “dalla terra alla tavola” non è solo uno slogan, ma un progetto di tracciabilità e qualità del prodotto, con un occhio alla tradizione e uno all’innovazione, creando rapporti con l’Università. Il nostro vuole essere un istituto che crea lavoratori, offrendo al settore dell’agricoltura quel ricambio generazionale invocato da più parti».

Il saluto

Sarà proprio Mara Salvi a subentrare a Urbinati all’istituto comprensivo Dante Alighieri, chiusa la lunga parentesi al liceo di via Arianuova «All’Ariosto ho trascorso anni importanti - aveva commentato Mara Salvi nel salutare la “sua scuola”, augurando al suo successore «un percorso di ulteriore crescita».

Chiude il giro di nuovi incarichi, l’assegnazione di Paola Manzan, dirigente dell’istituto comprensivo Alda Costa di Vigarano Mainarda, all’Ic Terre del Reno. Confermati, infine, i dirigenti del Centro Istruzione per Adulti (Cpia) Fabio Muzi, dello Scientifico Roiti, Donato Selleri e dell’Itc Bachelet Paola Zardi. —

Alessandra Mura

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI