Trasloco nomadi, Lodi cerca soluzioni. Residenti in allarme

Sopralluoghi del vicesindaco in via Ginestra, a Cona e a Pontelagoscuro. Lodi: parleremo con i residenti e non abbiamo intenzione di creare altri campi nomadi

FERRARA. Sono meno di una decina di nuclei: 7 o 8, calcola il vicesindaco Nicola Lodi. Quando il campo nomadi sarà chiuso (Lodi spera di mettere i sigilli «entro fine luglio») dovranno trovare ospitalità in altri luoghi del territorio comunale.

L’operazione, stando alla tabella di marcia auspicata dal numero due della giunta, dovrà quindi andare in porto «in tempi brevi«. Una scadenza che impone l’esigenza di individuare ricoveri, spazi e strutture dove collocare le famiglie che non possono più risiedere in via delle Bonifiche, nei pressi del petrolchimico.


Tre i sopralluoghi già effettuati alla ricerca di locali e terreni dove alloggiare i nuclei che saranno trasferiti. Uno in via Ginestra, dove si trova una comunità gestita da don Domenico Bedin, uno a Cona, nella proprietà di un privato, e uno a Pontelagoscuro, dove si trova una ex struttura comunale inutilizzata che potrebbe essere presa in gestione dalla Caritas. «In tutti i casi servono adeguamenti e interventi di ristrutturazione che hanno una durata più o meno lunga - sottolinea Lodi - ma noi abbiamo tempi più stretti e quindi cercheremo soluzioni già praticabili, presso associazioni che svolgono attività solidaristiche, per un soggiorno temporaneo, in attesa di collocazioni più stabili». La notizia del sopralluogo in via Ginestra ha suscitato, però, qualche apprensione tra i residenti .

«Qualcuno si è fatto l’idea errata che si volesse insediare un campo nomadi in zona - spiega il vicesindaco - Abbiamo già chiarito che questo non succederà, parliamo dello spostamento di pochi numeri e in diversi punti del territorio. Comunque convocheremo i residenti per spiegare bene su quali basi ci stiamo muovendo». I prossimi passi della giunta sulla questione nomadi potrebbero essere uno dei temi all’ordine del giorno del prossimo Comitato per l’Ordine e la Sicurezza pubblica, la prossima settimana. Intanto Lodi riferisce di aver ricevuto la relazione dei vigili del fuoco «che conferma la scarsa sicurezza degli allacci del gas e degli impianti elettrici nel campo nomadi». Il gruppo Pd chiede la convocazione della commissione competente. —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI